• News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Tecnologia
    • Gossip e Celebrità
    • Spazio Solidale
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • People
    • Tutto
    • Gossip e Celebrità
    • Social e Influencer
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Hobby
    • Come fare
  • Video
    • Tutto
    • Arredamento
    • Come fare
    • Costume e società
    • Divertenti
    • Green
    • Hobby
    • Moda
    • Ricette
    • Sport
    • Tecnologia
    • Top Video
    • Viaggi
    • Risorgimento Digitale
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 23 gennaio 2022 - Aggiornato alle 21:28
News
  • 21:17 | Il problema della conservazione delle opere d’arte
  • 21:15 | Juventus, Chiesa operato al crociato: stagione conclusa
  • 20:35 | Come vedere in tv tutte le partite della Serie A TIM, della Champions e molto altro
  • 20:29 | Paura per Sofia Goggia, c’è la distorsione al ginocchio
  • 20:13 | Il Napoli celebra Insigne, che eguaglia i gol di Maradona
  • 20:11 | Roma a valanga ad Empoli, 4-2 con doppietta di Abraham
  • 19:36 | Le dimissioni del presidente armeno Sarkissian
  • 19:31 | Cosa ha detto l'Oms sulla fine della pandemia
  • 19:18 | Il poker del Napoli alla Salernitana (4-1)
  • 18:00 | Un Picasso surrealista da record in asta
  • 17:50 | Covid, i dati del 23 gennaio: tasso di positività al 14,9%
  • 17:17 | Napoli poker alla Salernitana, ora è secondo
  • 14:55 | Cagliari-Fiorentina 1-1, gol ed emozioni
  • 14:46 | Quirinale: le regole del governo per far votare i positivi
  • 14:15 | Un’opera di Nicolas Poussin entra nella collezione del Met
  • 14:07 | Barone: 'Vlahovic deve dirci cosa vuole fare'
  • 12:55 | SBK, Chaz Davies allenerà i piloti Ducati nel 2022
  • 12:23 | L’Atalanta decimata strappa un pari alla Lazio
  • 10:42 | Quattro regioni in zona arancione dal 24 gennaio
  • 10:41 | L’Inter vince ancora e vola a +5
Come riconoscere un cosmetico bio Cosmetici naturali - Credit: iStock
GREEN 25 aprile 2020

Come riconoscere un cosmetico bio

di Melissa Viri

Riconoscere un cosmetico bio dagli altri non è molto semplice come si potrebbe pensare: vediamo come fare

Riconoscere i cosmetici bio non è facile come sembra

Riconoscere un cosmetico bio dagli altri non è molto semplice come si potrebbe pensare perché spesso le aziende creano confezioni che ingannano i consumatori, inserendo ad esempio immagini di natura, fiori, foglie e così via oppure inserendo la scritta "biologico" o "naturale".

 

In realtà spesso nella formulazione sono presenti bassissime percentuali di ingredienti biologici o di origine naturale.

Saper riconoscere un cosmetico davvero biologico è importante per un acquisto consapevole per questo serve imparare a leggere l'etichetta e seguire qualche consiglio. Per essere definito biologico, un prodotto deve avere almeno il 95% di ingredienti biologici.

Come riconoscere i cosmetici bio: ingredienti e certificazioni

Gli ingredienti elencati nell'etichetta devono essere totalmente naturali senza additivi e sostanze chimiche. Successivamente occorre verificare la presenza della certificazione con un "bollino" applicato soltanto se si è in presenza di un prodotto davvero biologico, ossia contenente almeno il 95% di elementi provenienti da agricoltura biologica.

Le certificazioni che distinguono un cosmetico biologico

Esistono diversi tipi di certificazione che contraddistinguono un cosmetico biologico. La "AIAB" viene fornita dall'"Associazione Italiana Agricoltura Biologica"; quella "ICEA" si riferisce al controllo di ingredienti, materie prime e packaging; la "CCPB", infine, indica la provenienza e l'orgine delle sostanze utilizzate in produzione.

 

La certificazione di un prodotto biologico è piuttosto costoso e potrebbe capitare che piccole aziende realizzino effettivamente cosmetici biologici senza però avere in possesso la certificazione ufficiale. Per questa ragione è fondamentale leggere sempre le etichette.

Scegliere prodotti e cosmetici biologici

I cosmetici biologici sono privi di sostanze artificiali o potenzialmente nocive come i tensioattivi, i profumi, conservanti, coloranti, solventi e cose di questo genere. Gli elementi di origine artificiale o petrolifera (paraffina e formaldeide ad esempio) sono da evitare e possibilmente da sostituire con altre sostanze di origine vegetale.

 

I siliconi, per esempio, potrebbero essere cambiati con oli naturali di mandorla, di oliva o albicocca oppure con burro di karité o amido di mais.


Un altro elemento da tenere in considerazione riguarda i test che, in un cosmetico biologico, devono essere "cruelty free", ovvero non effettuati su animali perché purtroppo non sempre sui cosmetici definiti biologici viene effettuata una sperimentazione non animale. Infine, un'attenta informazione sul sito dell'azienda può aiutare a conoscere la mission ed il know-how e guidare il consumatore verso una scelta più consapevole.

I più visti

Leggi tutto su Lifestyle