TimGate
header.weather.state

Oggi 11 agosto 2022 - Aggiornato alle 09:00

 /    /    /  Computer ecologici e ecosostenibili: quali sono
Computer ecologici e ecosostenibili: quali sono

Un uomo usa un pc in mezzo a strumenti verdi- Credit: iStock

GREEN29 novembre 2021

Computer ecologici e ecosostenibili: quali sono

di Maura Corrado

Dai nuovissimi pc con la sostenibilità nel Dna ai dispositivi ricondizionati: ecco le scelte amiche dell’ambiente.

Pc e laptop moderni consumano meno energia di molti altri elettrodomestici che abbiamo in casa. Tuttavia, alcuni fattori incidono sul loro impatto ambientale. Innanzitutto, il loro tempo di utilizzo si allunga sempre di più: basti pensare, ad esempio, al tempo passato sui social e allo smart working. Inoltre, li sostituiamo più spesso con apparecchi nuovi. Il vecchio portatile, dunque, si trasforma in un RAEE e bisogna fare attenzione a smaltirlo correttamente. L’inquinamento da rifiuti elettronici, infatti, è un problema grave e di grande attualità. Sono molti, dunque, i fattori a cui prestare attenzione per capire se il dispositivo che abbiamo – o quello che vorremmo comprare – è amico dell’ambiente.

 

 

Gli sforzi dei colossi hi-tech

Va innanzitutto detto che i dispositivi – computer fissi e portatili – di ultima generazione, oltre ad essere sempre più potenti, sono anche più sostenibili. Le grandi aziende del settore sono infatti impegnate in ambiziosi piani di transizione energetica ed ecologica. Per avere un pc “ecologico”, dunque, non è necessario impegnarsi in ore di estenuanti ricerche o “ripiegare” su prodotti di nicchia. La sostenibilità è ormai un impegno globale e coinvolge tutti, quindi le informazioni relative a consumi energetici, presenza di materiali riciclati ed altro sono riportate in bella evidenza sia sui siti web che sulle confezioni dei prodotti più conosciuti e più venduti.

 

 

Apple

Il nuovo MacBook Pro di Apple, ad esempio, ha un guscio realizzato al 100% in alluminio riciclato. Utilizza il 100% di stagno riciclato per le saldature della scheda logica e, per la prima volta in un notebook Mac, il 100% di terre rare riciclate in tutti i magneti. Entrambi i modelli disponibili sono realizzati con almeno il 35% di plastica riciclata in sette componenti e l’intero packaging è composto da fibre di legno provenienti da materiali riciclati o foreste sostenibili. Infine, il nuovo MacBook Pro – come si legge sul sito di Apple – non contiene sostanze nocive ed è stato realizzato utilizzando sempre più energia rinnovabile.

 

 

Acer

Anche Acer, nelle scorse settimane, ha lanciato Vero, la sua prima di gamma eco-friendly di monitor, notebook e accessori per il pc. Il nuovo portatile Aspire ha una scocca realizzata con il 30% di plastica riciclata ottenuta da PCR – rifiuti post-consumo, cioè materiali di scarto provenienti da strutture domestiche, commerciali, industriali e pubbliche - che riducono di circa il 21% le emissioni di CO2. Il notebook può inoltre essere disassemblato facilmente, per consentire riparazioni, sostituzioni di parti e operazioni di riciclo più semplici ed ecologiche. Anche i tasti della tastiera sono realizzati al 50% in plastica riciclata da PCR. La scocca senza vernice, poi, riduce l'impatto negativo dei composti organici volatili. Aspire Vero è stato inoltre pensato per ottimizzare le prestazioni energetiche: la modalità Eco+, ad esempio, consente un incredibile risparmio della batteria, grazie alla disattivazione delle funzioni critiche. L’imballaggio, infine, è realizzato in carta e plastica riciclati e nuovamente riciclabili.

 

 

Il registro EPEAT

Per chi preferisce confrontare più modelli prima dell’acquisto, c’è il registro EPEAT. L'Electronic Product Environmental Assessment Tool è un'etichetta ecologica internazionale per i prodotti dell’Information Technology. È progettata per valutare l'impatto ambientale di desktop, notebook, tablet, workstation e monitor in base a criteri che includono un'ampia gamma di possibili aree di impatto, tra cui: scelta dei materiali, progettazione per la fine del ciclo di vita, longevità del prodotto, risparmio energetico, imballaggio, impronta di carbonio e altre ancora. Per verificare se e quanto sono sostenibili i pc o i notebook di proprio interesse, è sufficiente collegarsi al sito EPEAT e inserire il nome del prodotto e i criteri rilevanti (emissioni di gas serra, efficienza energetica, ecc.) da analizzare.

 

 

I dispositivi ricondizionati

Un’altra scelta amica dell’ambiente è acquistare pc e laptop ricondizionati (refurbished). I prodotti “rigenerati” possono essere, ad esempio, i resi dai clienti nell’arco temporale offerto da alcuni negozi per esercitare il “diritto al ripensamento” o altrimenti modelli con piccoli difetti estetici, prodotti con danni agli imballaggi originali (ma non al prodotto). Ci sono poi quelli restituiti in garanzia e riparati dai centri di assistenza o i dispositivi restituiti alla scadenza di un leasing o di un noleggio. Infine, ci sono piccoli esercenti del settore elettronica che mettono in vendita pc e laptop usati e rigenerati nel proprio laboratorio su eBay, Subito e altri siti specializzati.

 

 

Cosa c’è da sapere

Prima dell’acquisto, è importante soffermarsi su alcune definizioni. Un pc “usato” viene rimesso in vendita nello stato di usura in cui si trova e non viene revisionato nella parte hardware e software. Un pc “rigenerato”, sebbene non sia nuovo, viene invece rimesso sul mercato “pari al nuovo”, salvo eventuali difetti estetici dichiarati. Per quanto riguarda la garanzia, per l’usato vale solo quella residua rispetto all’originale, mentre per i ricondizionati è prevista dalla legge: il laptop o il pc desktop ricondizionato sarà dunque garantito per dodici mesi. Questa scelta, oltre ad allungare la vita di un prodotto, consente anche un certo risparmio economico, che dipende da marche e modelli. Sull’e-commerce di Apple, ad esempio, lo sconto medio è del 15%. Su altri siti, invece, gli sconti partono dal 10% e possono arrivare fino al 50%.

 

 

Usare il pc in modo sostenibile

Alla sostenibilità di un pc o di un notebook contribuisce anche il modo in cui lo utilizziamo. Per prima cosa, non lasciare il monitor sempre acceso e, se puoi, riduci la luminosità del display. Se hai uno screen saver animato, disattivalo. Anche se sono divertenti da guardare, richiedono un dispendio di energia elevato e, soprattutto, inutile. Quando non utilizzi il dispositivo, ricorda di staccare la spina. Scarica con regolarità gli aggiornamenti di sistema. Attenzione anche agli accessori extra. Che si tratti di una stampante o di uno scanner, non dimenticare che anche questi strumenti impattano sull'ambiente. Quindi, fai in modo che abbiano caratteristiche green: efficienza energetica, assenza di sostanze nocive, presenza di materiali riciclati, ecc.