TimGate
header.weather.state

Oggi 05 agosto 2022 - Aggiornato alle 23:00

 /    /    /  Congiuntivite nei cani e nei gatti: come riconoscerla
Congiuntivite nei cani e nei gatti: come riconoscerla

Una persona mette medicina nell'occhio a un cane- Credit: iStock

ANIMALI26 aprile 2022

Congiuntivite nei cani e nei gatti: come riconoscerla

di Melissa Viri

Un problema da riconoscere subito.

La congiuntivite nei cani e nei gatti è uno dei disturbi più frequenti. Tale condizione può infatti colpire esemplari di qualsiasi razza ed età. Più in particolare, è possibile definire la congiuntivite come un'infiammazione causata da svariati fattori.

Non solo, questa può coinvolgere uno o entrambi gli occhi. Per ciò che concerne il trattamento questo risulta semplice e breve se si utilizzando i giusti farmaci e accortezze. Per questa ragione, quando si notano arrossamenti o anomalie negli occhi nei propri amici a quattro zampe è sempre buona norma consultare il veterinario.

 

 

Le cause della congiuntivite

Come accennato, la congiuntivite nei cani e nei gatti può avere diverse cause. Le più comuni sono:

infezioni: è la causa più comune ed è solitamente causata da virus simili all'herpes. Se colpisce i gatti può essere associata a secrezioni di muco e sintomi respiratori;

batteri: i più comuni sono il mycoplasma e la chlamydoplila che causano la produzione di secrezioni dense;

parassiti: l'azione di alcuni parassiti può causare irritazioni agli occhi di cani e gatti che si manifestano con rossore, prurito e blefarite;

allergie: generalmente causate da polline, acari e polvere, si manifesta con rossore e prurito ad entrambi gli occhi;

traumi: la presenza di peli, erba o detriti all'interno della palpebra può essere una delle cause della congiuntivite. Non solo, questo potrebbe accadere anche in caso di piccole lesioni;

anomalie della palpebra: può capitare che a causa della struttura anomala della palpebra l'occhio tenda a irritarsi e arrossarsi molto frequentemente. Pertanto, se questo accade potrebbe essere necessaria una operazione di correzione;

sostanze irritanti: se il cane o il gatto si espongono a sostanze irritanti come fumo, prodotti chimici, aria condizionata, spray, ecc... potrebbe manifestarsi in modo bilaterale la cosiddetta congiuntivite tossica.



 

Come riconoscere la congiuntivite nei cani e nei gatti

Tipicamente, i proprietari di cani e gatti si accorgono molto rapidamente della congiuntivite sia essa unilaterale o bilaterale. Questa si manifesta infatti con sintomi molto visibili come:

• lacrimazione;

• gonfiore degli occhi e/o delle palpebre;

• blefarite;

• prurito;

• produzione di secrezioni;

• dolore;

• sensibilità alla luce.

 

 

Cura della congiuntivite di cani e gatti

Quando si notano sintomi riconducibili alla congiuntivite nei cani e nei gatti è sempre buona norma richiedere un consulto al veterinario. Solo un esperto può infatti individuare la causa ed eventualmente prescrivere una cura. È pertanto sempre sconsigliabile il ricorso a metodi fai da te poiché l'infiammazione potrebbe peggiorare e procurare fastidio all'animale. In linea generale i trattamenti più comuni sono quelli a base di antibiotici per le congiuntiviti batteriche e a base di antivirali per le congiuntiviti causate da herpes o altri virus.