Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • People
    • Tutto
    • Gossip e Celebrità
    • Social e Influencer
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Hobby
    • Come fare
  • Video
    • Tutto
    • Arredamento
    • Come fare
    • Costume e società
    • Divertenti
    • Green
    • Hobby
    • Moda
    • Ricette
    • Sport
    • Tecnologia
    • Top Video
    • Viaggi
    • Risorgimento Digitale
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 03 dicembre 2021 - Aggiornato alle 01:00
News
  • 23:52 | Rafa Nadal rassegnato: “Sarà Djokovic il primatista di Slam vinti”
  • 21:03 | Torino-Empoli 2-2: Romagnoli e La Mantia rimontano i granata
  • 17:48 | Economia, la ripresa forte dell'Italia
  • 17:30 | La classifica delle città più vivibili
  • 17:11 | Kjaer, coinvolti i legamenti: necessario l'intervento
  • 17:00 | Covid, i dati del 2 dicembre: tasso di positività al 2,5%
  • 16:48 | Lesione al legamento per Kjaer
  • 16:05 | Calcio: due giornate a Spalletti, salta Atalanta ed Empoli
  • 15:45 | Come vedere in tv tutte le partite della Serie A TIM, della Champions e molto altro
  • 13:17 | Vaccini, per Pfizer dovremo fare richiami per diversi anni
  • 13:15 | Ecumenismo alla Casa Bianca di Joe Biden, si celebra Hanukkah
  • 13:07 | Le otto nuove sale di Palazzo Maffei a Verona
  • 12:54 | Basket, Milano ufficializza Bentil: “Opportunità unica, la sfrutterò”
  • 12:34 | Cosa ha detto l'Onu sul lockdown a Natale
  • 12:20 | Fantacalcio Serie A TIM, i consigli per la sedicesima giornata
  • 09:55 | Il primo caso di variante Omicron negli Stati Uniti
  • 09:44 | Quattro squadre per uno Scudetto
  • 09:27 | Dallapiccola (Bambino Gesù) e il vaccino ai bambini: “Sicuro ed efficace”
  • 09:11 | L’ok dell’Aifa al vaccino per la fascia 5-11 anni
  • 09:02 | Il pareggio tra Sassuolo e Napoli (2-2)
Cosa si intende con il concetto di efficienza energetica Illustrazione di efficienza energetica colorata - Credit: Pexels
GREEN 17 ottobre 2021

Cosa si intende con il concetto di efficienza energetica

di Maura Corrado

Definizione, diagnosi, interventi migliorativi… Ecco cosa c’è da sapere su un tema strettamente legato alla sostenibilità ambientale.

Negli ultimi anni la crescente sensibilità verso i temi legati alla sostenibilità ambientale hanno avuto come conseguenza un interesse più marcato anche verso le tematiche legate all’efficienza energetica.

È sufficiente ricordare, infatti, che negli ultimi quarant'anni il consumo mondiale di energia è più che raddoppiato e che gran parte dei consumi totali di energia sono costituiti dai consumi energetici di luce e gas degli edifici. L’efficienza energetica, dunque, consente di ottenere una diminuzione – anche significativa - delle emissioni di gas serra, contribuendo così a ridurre l’inquinamento e a mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici.

 

 

Definizione di efficienza energetica

L'efficienza energetica indica, in senso ampio, il rapporto quantitativo e misurabile tra un risultato - ottenuto con un macchinario o un processo - e l'energia impiegata per realizzarlo. Gli ambiti in cui si è possibile determinare il livello di efficienza energetica sono numerosi e diversi tra loro. Il confine tra ciò che è definibile come efficienza energetica, e ciò che non lo è, a volte può risultare poco chiaro, come dimostrano alcuni esempi banali legati ad interventi di efficientamento energetico, definizione che comprende tutte quelle operazioni che consentono di utilizzare l’energia in modo ottimale. Una stanza con pareti bianche - rispetto ad una stanza con pareti scure - migliora di fatto l'efficienza energetica per l'illuminazione artificiale, poiché è possibile ottenere maggiore luce diffusa. Un frigorifero che utilizza pareti spesse, quindi con un miglior isolamento, ha dispersioni termiche ridotte e di conseguenza un'aumentata efficienza. In entrambi i casi bisogna chiedersi, però, se tali interventi siano davvero qualificabili come efficientamento o se sia più corretto cambiare sorgente luminosa o adottare un sistema di raffreddamento meglio progettato.

 

 

Attestato di Prestazione Energetica

Più in generale, tutti gli espedienti che riducono le perdite di energia vengono ricompresi nel quadro dell'efficienza energetica, ma non è scontato che a questi interventi possa concretamente corrispondere un fattore percentuale di efficienza. Per gli edifici, nel loro complesso, si è quindi coniato il termine, tecnicamente più corretto, di indice di prestazione energetica, evitando così di utilizzare la parola efficienza in un contesto variegato e a volte improprio. Attualmente, infatti, il principale indicatore di efficienza energetica, punto di partenza per una valutazione legata ai consumi di energia, è fornito dall’Attestato di Prestazione Energetica (APE). Tale attestato è il documento che certifica la qualità energetica dell’immobile ed è obbligatorio nei rapporti contrattuali come locazione e compravendita. Tuttavia, nel linguaggio comune, si parla quasi sempre di efficienza energetica, anche in sostituzione di termini tecnicamente più appropriati come rendimento e prestazione.

 

 

Gli interventi di efficientamento

Negli ultimi anni si è puntato ad un maggior livello di efficienza energetica all’interno di interi edifici e singole abitazioni, anche beneficiando di una serie di incentivi fiscali. L’obiettivo è duplice: da un lato ridurre il consumo di energia, dunque le emissioni nocive in atmosfera, e quindi inquinare meno. Dall’altro, ottenere un risparmio in bolletta, anche consistente. Gli interventi di riqualificazione energetica riguardano in primis l’isolamento termico dell’involucro dell’edificio. L’involucro è costituito dal tetto, dalle pareti e dagli infissi, che causano trasmissione di calore d’estate e dispersioni di energia durante l’inverno. Interventi di isolamento termico ben progettati permettono di risparmiare non poco sulle spese di riscaldamento, per questo prima di procedere all’acquisto di impianti, caldaie o climatizzatori, è necessario analizzare le condizioni dell’involucro ed intervenire per migliorarne le condizioni.

 

 

Diagnosi energetica

Un audit energetico - o diagnosi energetica – è il passaggio che precede qualunque iniziativa di incremento dell’efficienza energetica: senza una conoscenza attenta delle caratteristiche del fabbricato, infatti, non è possibile proporre efficaci soluzioni di miglioramento. L’analisi preliminare prende in considerazione una serie di parametri, tra cui: modalità di utilizzo dell’edificio, temperature interne, ricambi d’aria, fonte energetica utilizzata per il riscaldamento e per la produzione di acqua calda. E ancora: consumi medi annuali di metano, legna (o pellet) e dati meteo della località. Segue un sopralluogo, che include il rilievo delle stratigrafie di pavimenti, muri, solai, tetti e pareti verso i locali freddi; il rilievo dei serramenti e un’analisi della tipologia di telai, vetri e dei sistemi di schermatura dei serramenti. E ancora: l’analisi degli ombreggiamenti, di temperature e umidità attraverso strumentazioni non invasive. Infine, si passa alle ipotesi di intervento per migliorare la classe energetica dell’edificio (misurata con una scala che va da A4 – massima efficienza – a G, che indica invece scarsa efficienza), come la realizzazione del cappotto termico.

 

 

Gli elettrodomestici 

Un altro aspetto a cui bisogna prestare attenzione è rappresentato dai consumi di energia degli elettrodomestici. Per quelli più datati è possibile monitorare i consumi attraverso i “misuratori energetici” in commercio. Per chi si appresta a sostituire un vecchio apparecchio con uno nuovo, il consiglio è di prediligere gli elettrodomestici ad alta efficienza energetica (quindi a basso consumo), tenendo conto della nuova etichettatura energetica entrata in vigore nei mesi scorsi per alcune categorie di apparecchi.

 

 

C’è ancora molto da fare

Anche se negli ultimi due anni si è parlato molto di interventi di efficientamento energetico degli edifici in Italia, in relazione agli incentivi fiscali stanziati dal governo, c’è ancora molto da fare. Da un’indagine condotta nei mesi scorsi dall’Enea (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile), in collaborazione con l’Istituto per la Competitività (I-Com) e la Federazione Italiana degli Agenti Immobiliari Professionisti (FIAIP), emerge come la percentuale di immobili appartenenti alla classe di efficienza energetica G (la peggiore) risulti ancora dominante nel corso del 2020, anno nel quale non si è ancora vista un’accelerazione della qualità energetica degli immobili in linea con gli obiettivi fissati dall’Unione Europea. Tra gli agenti immobiliari prevale comunque una valutazione prudente, ma positiva, rispetto all’impatto effettivo di misure come il Superbonus 110% sul mercato immobiliare, al termine del 2021. Il 36% del campione sostiene infatti che il Superbonus 110% ha già avuto un impatto positivo sul mercato, nonostante la recente adozione, mentre il 12% reputa tale impatto di entità più che significativa.

I più visti

Leggi tutto su Lifestyle