TimGate
header.weather.state

Oggi 20 maggio 2022 - Aggiornato alle 16:19

Un paguro sulla spiaggia- Credit: iStock

ANIMALI13 maggio 2022

Curiosità che non sai sul paguro

di Melissa Viri

Un piccolo, forte crastaceo.

Il paguro è un animale davvero inconfondibile: questo piccolo crostaceo si tiene ben saldo all'interno di una conchiglia che funge da corazza, una vera e propria "casa" che porta con sé 24 ore su 24! Le curiosità sul paguro sono numerose e, probabilmente, molte di esse non le conosci, scopriamone dunque alcune particolarmente interessanti.

 

 

La conchiglia di un paguro ne ha probabilmente ospitati tanti altri

Come detto, la conchiglia è un elemento esterno rispetto all'animale, al quale si ancora saldamente dall'interno.

Ma il paguro dove trova la conchiglia in cui vivere? Semplice: il paguro trova la sua "casa" nel territorio in cui vive, sul fondale, e nella grande maggioranza dei casi si tratta di conchiglie che hanno già ospitato dei paguri o dei molluschi.

Quando vedi un paguro, dunque, con ogni probabilità è l'ennesimo "affittuario" della casa che trasporta!

 

 

Il paguro è un autentico spazzino

Il paguro è un animale onnivoro, mangia davvero di tutto, dalle alghe fino a cibi di origine animale come residui di pesci, crostacei e molluschi, per questo motivo è considerato un vero e proprio "spazzino" dei fondali.

 

 

La straordinaria simbiosi tra il paguro e l'attinia

Può accadere che il paguro ospiti sulla propria conchiglia un'attinia, animale marino che presenta una serie di piccoli tentacoli e che è molto simile ad un fiore, non a caso è chiamato anche anemone di mare.

Paguro ed attinia, in questo modo, vivono in simbiosi garantendosi dei vantaggi reciproci: l'attinia produce delle cellule urticanti che tengono alla larga i predatori ed assicurano dunque protezione al crostaceo, allo stesso tempo l'attinia può muoversi, pur essendo un animale fondamentalmente statico, e può cibarsi con facilità dei residui di cibo che il paguro fa fluttuare nell'acqua mentre si nutre.

 

 

La rarità

In rari casi può accadere che un paguro trasporti sulla propria conchiglia anche più di un'attinia, e una delle cose più sorprendenti è il fatto che quando i paguri, crescendo, cambiano conchiglia perché divenuta ormai troppo stretta, si accertano che vi si trasferiscano anche le "amiche" che trasportavano sulla conchiglia precedente!

 

 

Esistono anche delle specie terrestri di paguro

Lo sanno davvero in pochi, eppure esistono anche delle specie terrestri di paguro! I paguri di terra, in Italia, sono introvabili in natura, essi infatti si trovano prettamente in alcune zone dell'Indo-Pacifico, soprattutto in località costiere di tipo forestale, tuttavia sono discretamente diffusi in commercio come animali da allevare in terrario. La specie di paguro terrestre più diffusa è senz'altro il Coenobita perlatus.