TimGate
header.weather.state

Oggi 03 luglio 2022 - Aggiornato alle 03:00

Una faina di fronte a delle foglie- Credit: iStock

ANIMALI25 maggio 2022

Curiosità che non sai sulla faina

di Melissa Viri

Piccolo e abile predatore.

Animale piccolo e all'apparenza simpatico e curioso, la faina è in realtà un feroce predatore, con un comportamento schivo e furtivo, che preferisce uscire allo scoperto solo di notte. È un animale solitario e molto difficile da vedere. Molti di noi, infatti, non sanno di avere una faina come vicina di casa, nascosta nel bosco o in qualche rimessa abbandonata e pronta a dare la caccia a galline e altri piccoli animali domestici lasciati incautamente incustoditi. Ma quante altre cose non sai su questo affascinante animale? Scopriamo tre incredibili curiosità sulla faina, di cui sicuramente non sei a conoscenza.


 

Curiosità sulla faina: cacciatrice instancabile

Quando si dice "sei astuto come una faina" di certo non sbagliamo: la faina è un cacciatore instancabile, capace di predare animali piccoli e molto veloci, come topi, pipistrelli, piccoli rettili e uccelli. Per quanto non disdegni cibarsi di frutta e bacche, il suo spirito di cacciatrice si risveglia di notte, quando tende pazienti agguati alle sue prede, che difficilmente riescono a sfuggirle. Il suo morso è potentissimo, e ha la caratteristica di avere la mandibola che può aprirsi fino a novanta gradi rispetto alla mascella: questo le consente di afferrare saldamente anche prede più grandi di lei.


 

Nemica di contadini e allevatori

Non si può certo dire che la faina sia fra gli animali più amati da allevatori e contadini. La sua presenza, infatti, è in grado di causare non pochi danni alle attività umane. Se riesce a introdursi in un pollaio o in una stalla dove sono ospitati conigli o altri piccoli animali, la faina è in grado di compiere una strage. Una delle sue peculiarità è proprio quella di uccidere più di quanto riesca effettivamente a mangiare. Questo comportamento prende il nome di surplus killing. Il problema è che, con il suo corpo sinuoso e sottile, la faina riesce a introdursi senza difficoltà anche in pertugi e spazi molto stretti, eludendo così le misure difensive messe in atto per difendere gli animali domestici.


 

Piccola ma solitaria: l'habitat della faina

Se pensi che la faina viva solo in aperta campagna, dovrai ricrederti. Questo animale abita in tutta Italia, dalla pianura ai territori di montagna. Vive la maggior parte della sua vita da sola, difendendo il suo territorio che può estendersi per diverse decine di ettari dall'intrusione di altri esemplari. Anche in città, di notte, non è poi così improbabile intravedere una faina che, veloce come un fulmine, attraversa la strada alla ricerca di cibo. L'unico momento in cui si riunisce in piccoli gruppi familiari è durante la stagione degli accoppiamenti e durante l'allevamento della prole. Questo, però, ha breve durata. Già a tre mesi i cuccioli sono autonomi e in grado di lasciare la madre.