TimGate
header.weather.state

Oggi 18 maggio 2022 - Aggiornato alle 23:00

 /    /    /  Il mammifero più piccolo del mondo
Il mammifero più piccolo del mondo

Toporagno in natura- Credit: iStock

GREEN25 novembre 2020

Il mammifero più piccolo del mondo

di Melissa Viri

Il mammifero più piccolo del mondo è Craseonycteris thonglongyai, chiamato più comunemente mustiolo

Somiglia al toporagno ma ha dimensioni più contenute: pensate che il suo corpo può avere una lunghezza complessiva che varia da un mimino di 3,6 a un massimo di 5,2 centimetri. Ha una pelle molto sottile di colore grigio talvolta tendente al bruno m di solito ha la pancia molto più chiara del dorso.

 

La sua testa appuntita e gli occhi vispi che si intravedono fra il pelame gli danno un aspetto tenero. Un po’ come i gatti ha vibrisse molto lunghe che gli servono per orientarsi e muoversi agilmente ovunque e in qualsiasi situazione, anche al buio.

Dove vive il mammifero più piccolo del mondo

Il mustiolo è diffuso nei paesi che si affacciano sul Mediterraneo ma se ne trovano numerosi esemplari anche nella Tanzania, nell’India e nel Pakistan.

 

In Italia vive su tutto il territorio, isole comprese ma non sui rilevi montuosi perché non sopporta molto bene le basse temperature invernali. La colorazione della sua pelliccia lo mimetizza nell’ambiente naturale e lo fa diventare invisibile agli occhi dei predatori. Si muove soprattutto di notte e vive fra i cespugli, nei buchi dei vecchi muri a secco e in anfratti del terreno.

Cosa mangia il mustiolo

Il mammifero più piccolo del mondo è un carnivoro e aggredisce qualsiasi preda gli passi a portata di naso. La sua ferocia potrebbe spaventare se avesse dimensioni maggiori ma dato il suo peso ridotto, riesce a cibarsi solo delle prede più piccole di lui. Trova subito i punti deboli dell’avversario da attaccare e non gli lascia scampo. Non attacca mai gli insetti maleodoranti come le cimici: se ne mantiene rigorosamente alla larga e nemmeno prova ad assaggiarle.

 

Il mustiolo è una specie protetta secondo la convenzione di Berna del 1992 e vive abitualmente da solo. È assai diffidente e non è così semplice da avvistare anche se si riesce a muoversi nel sottobosco silenziosamente.

La riproduzione

Questo piccolo mustelide si riproduce abitualmente con i primi tepori primaverili e i piccoli vengono alla luce da inizio maggio fino a ottobre inoltrato. La gestazione ha una durata di 28 giorni e le femmine danno alla luce da un minimo di due a un massimo di cinque cuccioli. I piccolo vengono al mondo senza peli. Hanno la pelle molto rugosa e rosata mentre mantengono gli occhi chiusi per qualche giorno prima di iniziare a vedere il mondo esterno. Alla nascita i mustioli hanno una lunghezza di circa 15 millimetri e pesano circa 20 grammi.