TimGate
header.weather.state

Oggi 19 agosto 2022 - Aggiornato alle 02:00

 /    /    /  Le caratteristiche del vetro
Le caratteristiche del vetro, il materiale sostenibile per eccellenza

Vetro- Credit: iStock

GREEN08 luglio 2021

Le caratteristiche del vetro, il materiale sostenibile per eccellenza

di Melissa Viri

Il vetro è considerato il materiale sostenibile per eccellenza: scopriamo di più!

La sua versatilità permette di utilizzarlo in vari ambiti del vivere comune che vanno dall'edilizia alle stoviglie della cucina passando per oggetti di arredo. Le sua caratteristiche intrinseche ed estrinseche lo rendono ecologico, sostenibile e riutilizzabile all'infinito. L'uso di oggetti in vetro garantisce il rispetto dell'ambiente e della natura circostante.

 

Una delle cose più curiose riguardo al vetro è sicuramente la sua invenzione. Essa è stata del tutto casuale ma può essere considerata una vera rivoluzione. Che sia una bottiglia, in bicchiere o la grande vetrata di una cattedrale, il vetro ci ricorda come il suo avvento abbia regalato una nuova era all'umanità.

Vetro: storia di una fusione spontanea

Il vetro è un materiale eco-sostenibile la cui storia inizia circa 3500 anni fa. Si racconta che alcuni mercanti fenici per riscaldarsi accesero dei blocchi di soda naturale sulla spiaggia che sciogliendosi andarono a mescolarsi con la sabbia. Fu così che una massa liquida e trasparente si palesò ai loro occhi. Da quel momento, in Mesopotamia, Siria ed Egitto si moltiplicò il numero di artigiani che sfruttavano questo processo naturale per la realizzazione di bellissimi oggetti in vetro. I Romani, oltre a utilizzare il vetro per la produzione di piatti, ampolle, coppe e sottocoppe avviarono anche il suo riciclo. Una nave romana riemersa nell'Adriatico settentrionale testimonia di come i Romani raccogliessero vetro usato da sottoporre a nuova lavorazione.

Composizione del vetro

Oggi, siamo così abituati a utilizzare oggetti in vetro che quasi dimentichiamo del contributo offerto da questo materiale allo sviluppo della modernità. Il vetro prodotto ai giorni nostri è costituito da:

- Silice

- Soda

- Calce

La pasta vitrea per essere lavorabile è necessario abbia raggiunto la temperatura di 1500°C. La silice è un vetrificante ovvero una sostanza che sotto l'azione del calore diventa vetrosa. La soda ha la funzione di fondente cioè contribuisce ad abbassare la temperatura di fusione. Infine, la calce stabilizza il vetro rendendolo resistente all'azione dell'acqua e degli agenti esterni.

Caratteristiche del vetro

Il vetro, quindi, è un materiale duro, trasparente e inerte. Esso, però, si rompe facilmente creando frammenti taglienti. A questa caratteristica si può ovviare con l'aggiunta di sostanze che ne aumentano la resistenza evitando che i frammenti si disperdano. Si aggiungono, infatti, resine tra gli strati vetrosi oppure lamine di metallo. La trasparenza alla luce è la proprietà più nota del vetro. Essa è imputabile all'assenza di disomogeneità di grandezza superiore alla lunghezza d'onda della luce.

L'ecosostenibilità del vetro: il riciclo

Il vetro è un materiale altamente riciclabile con l'accortezza di separare le varie tipologie al fine di rendere più semplice la sua rilavorazione. Gli oggetti in vetro cavo come bottiglie, bicchieri, flaconi e barattoli vanno inseriti nelle campane di vetro. Al contrario, invece, specchi e vetri per finestre vanno stoccati separatamente.