TimGate
header.weather.state

Oggi 03 luglio 2022 - Aggiornato alle 17:00

 /    /    /  Pesce porcospino: curiosità e caratteristiche
Pesce porcospino: curiosità e caratteristiche

Un pesce porcospino- Credit: Pexels

ANIMALI04 ottobre 2021

Pesce porcospino: curiosità e caratteristiche

di Melissa Viri

Dall'aspetto e dalle caratteristiche strambe, ecco chi è il pesce porcospino.

Il pesce porcospino è una specie davvero interessante e curiosa, sia per il suo aspetto sia per le sue caratteristiche comportamentali. Parliamo di un pesce che, in Natura, vive nei pressi delle barriere coralline ma può essere allevato anche in un acquario, se si ha l'accortezza di fornirgli una vasca sufficientemente grande e con l'acqua alla temperatura corretta.

 

 

Il pesce porcospino: informazioni di base

Il suo nome scientifico è Diodon Holocanthus, appartiene alla classe degli Attinopterigi e all'ordine dei Tetraodontiformi. In Natura può raggiungere i 50 centimetri di lunghezza mentre, generalmente, gli esemplari allevati in cattività restano un po' più piccoli. Il suo habitat naturale è rappresentato dalle barriere coralline oceaniche tropicali dove, generalmente, staziona sul fondale. Non è una specie protetta e, proprio per questo, può essere tenuto anche in un acquario d'acqua salata casalingo.


Morfologia del pesce porcospino

 

Il pesce porcospino ha una forma ovaloide ed è dotato di una grossa testa, sproporzionata rispetto al resto del corpo. Il muso è coriaceo, provvisto di un robusto becco, che usa per scandagliare continuamente il fondale alla ricerca di molluschi e ricci di mare, dei quali si nutre. È di colore bianco/grigiastro, con puntini marroni o rossicci, e può avere sfumature gialle sulle pinne o sulla punta degli aculei.


 

Comportamento del pesce porcospino

 

Il pesce porcospino vive sui fondali, in profondità, quindi nella parte buia degli oceani. Trascorre quasi tutto il suo tempo strisciando sul fondo e beccando, con il suo muso becchiforme, alla ricerca di cibo. La sua caratteristica fondamentale, che gli conferisce anche il nome, è quella di avere il corpo ricoperto da aculei robusti e taglienti. Gli servono per difendersi e proteggersi ma anche per mettere in atto il tipico comportamento di difesa che lo rende proprio simile a un porcospino.

 


Gli aculei e l'azione di difesa del pesce porcospino

Quando il pesce porcospino percepisce un pericolo o si sente minacciato mette in atto un comportamento di difesa molto particolare: si gonfia e drizza gli aculei prendendo la forma di una grossa palla piena di spine, che può ferire o anche uccidere pesci molto più grossi di lui. Questa sua caratteristica gli permette di non essere predato ed è anche per questo motivo che questa specie non è protetta né a rischio estinzione. Anzi, ne esistono moltissimi esemplari al mondo.


Una curiosità: per gonfiarsi, il pesce porcospino deve ingoiare una grande quantità di acqua nel giro di pochi secondi. Questo può provocargli dei danni anche gravi agli organi interni. Proprio per questo è raro che il pesce porcospino si gonfi: lo fa solo quando sente di essere in pericolo di vita.