TimGate
header.weather.state

Oggi 09 agosto 2022 - Aggiornato alle 14:00

 /    /    /  Quanto inquinano le salviette igienizzanti?
Quanto inquinano le salviette igienizzanti?

Salviette igienizzanti- Credit: iStock

INQUINAMENTO25 febbraio 2022

Quanto inquinano le salviette igienizzanti?

di Melissa Viri

Un grosso impatto sull'ambiente.

Per pulire le superfici ma anche le nostre mani, molto spesso, ci affidiamo alle salviette igienizzanti monouso. Comode da portare con noi in borsa o nello zaino, risolvono tutti i nostri problemi legati alla scarsa pulizia di un ambiente. Ma ci siamo mai chiesti quanto inquinano? Un test francese, proprio nel 2021, ha rilevato la loro pericolosità per l’ambiente prendendo in esame referenze diverse. Dopo attente analisi le ha bocciate tutte. Ecco com’è andata la faccenda.

 

 

L’inchiesta

A sollevare il polverone è stata la rivista francese 60 million de consommateurs che nel suo speciale ha analizzato 12 marchi che producono questo genere di salviettine. L’obiettivo era comprenderne la loro composizione, il livello di sicurezza per l’essere umano e il genere di impatto ambientale. Ne è emerso un parere a dir poco negativo e il motivo sta nel Menag Score, un sistema che compara i prodotti sulla base di parametri ben precisi come: rischio chimico per l’ecosistema, ingredienti, proporzioni di agenti. L’obiettivo è assegnare punti che vanno dal migliore al peggiore, quindi da A ad E.

 

 

Le sostanze pericolose

Ne è venuto fuori che i prodotti più pericolosi sono quelli che contengono elementi che potrebbero provocare allergie, oppure essere degli interferenti endocrini o presumibilmente cancerogeni. Si tratta di acrilcopolimeri, iodopropinil butilcarbammato, benzalconio cloruro, acido formico, alcol grasso decil etossilato, didecildimetilammonio cloruro, limonene, metilsotiazolinone, dietil ftalato. Tutte queste sostanze appena elencate contribuiscono a rendere le salviette per mani o wc assolutamente pericolose e vanno bandite per ogni uso. Oltre al pericolo per l’uomo dal punto di vista sanitario contribuiscono al dilagare del disastro ambientale.

 

 

Come risolvere il problema?

Tra i problemi più grossi che provoca l’uso smodato delle salviette riguarda proprio la salute della terra. Ad esempio gettandole nel wc queste aderiscono ai tubi, contribuiscono alle ostruzioni e creano, negli anni di accumuli, problemi riguardo agli impianti di acque reflue. Non basta cercare di incentivare l'uso di modelli biodegradabili perché comunque tenderebbero a degradarsi in un tempo mai inferiore a tre mesi, lo stesso che ci vuole per poter defluire in un normale scarico.

 

 

Cosa fare?

Cosa fare allora? Certamente è bene seguire l'esempio del Regno Unito che, già dal 2018, ha detto basta alle salviettine per le mani usa e getta. Visto che l'obiettivo è preservare la salute dell'ambiente ma anche la nostra, per quanto possibile, la giusta direzione da seguire è proprio questa.