TimGate
header.weather.state

Oggi 20 maggio 2022 - Aggiornato alle 23:00

 /    /    /  Riciclo della ceramica, come differenziare piatti e piastrelle
Riciclo della ceramica, come differenziare piatti e piastrelle

Ceramiche rotte- Credit: iStock

RICICLO13 maggio 2022

Riciclo della ceramica, come differenziare piatti e piastrelle

di Melissa Viri

Una raccolta differenziata speciale e utile.

Ogni amministrazione comunale ha delle proprie regole per quanto riguarda la raccolta differenziata pur esistendo dei principi generali che si osservano in tutta la penisola. La prima cosa da sapere, quando si fa la raccolta differenziata, è che ogni materiale deve essere diviso da un altro per evitare di inquinare l'ambiente.

Mentre per la carta, il vetro e la plastica non ci sono grandi dubbi, con la ceramica il discorso cambia soprattutto per via del fatto che questo non è un materiale riciclabile. Esistono inoltre diversi prodotti in ceramica oltre a piatti e tazzine perché ci sono anche le piastrelle. Prosegui nella lettura di questo articolo dove si parla di riciclo della ceramica, come differenziare piatti e piastrelle.

 

 

Riciclo della ceramica: dove vanno buttati piatti e tazzine

Per prima cosa è necessario sapere che tutte le vettovaglie in ceramica non sono realizzati con il vetro e, proprio per questo motivo, non devono essere buttati nel contenitore per il vetro. La ceramica è considerata un materiale non riciclabile e quindi va gettata nel bidone del secco indifferenziato

Un'alternativa è quella di buttare la ceramica rotta nelle isole ecologiche più vicine scegliendo il secchio nero. Prima di utilizzare questa modalità è comunque importante conoscere le regole del proprio comune di residenza. 

Per riciclare piatti e tazzine rotte di porcellana è opportuno raccogliere i cocci avvolgendoli in buste o fogli per evitare che le schegge possano ferire gli addetti ai lavori.

 

 

Riciclo della ceramica: dove vanno buttate le piastrelle rotte

Le piastrelle rotte in ceramica meritano un discorso a parte perché, pur essendo realizzate nel materiale di cui si è parlato nel paragrafo precedente, possono essere composte da altri elementi a seconda della lavorazione alla quale sono state sottoposte. 

Questo comporta una difficoltà di smaltimento maggiore perché, oltre alla ceramica, possono essere presenti sostanze nocive e quindi inquinanti. Se le mattonelle in ceramica da buttare sono poche, è possibile gettarle nel bidone del secco indifferenziato avendo cura, anche in questo caso, di incartarle bene per evitare problemi a chi si occupa dello smaltimento. 

Quando le piastrelle in ceramica da buttare sono molte, invece, è bene rivolgersi a ditte specializzate nello smaltimento dei rifiuti che sapranno come smaltirle al meglio. In ogni caso anche le piastrelle in ceramica non devono mai essere buttate nel bidone del vetro.