TimGate
header.weather.state

Oggi 30 settembre 2022 - Aggiornato alle 17:00

 /    /    /  Rinvaso orchidea come e quando farlo
Rinvaso orchidea: come e quando farlo

Ragazza che fa il rinvaso dell'orchidea- Credit: iStock

GREEN04 gennaio 2021

Rinvaso orchidea: come e quando farlo

di Melissa Viri

Le orchidee sono tra le piante più belle da avere in casa anche se sono molto delicate da curare

In primis le orchidee devono essere posizionate nella parte più abitata dalla casa, una credenza infatti conferma che hanno bisogno di essere curate per crescere in forma. Inoltre, l'orchidea non deve essere esposta al sole diretto ma alla luce abbastanza forte. Si tratta di una pianta che necessita di un terreno acido e specifico per la sua crescita e infine, teme molto le correnti d'aria.

 

Ecco qualche tip per il rinvaso.

Quando rinvasare le orchidee

Non c'è un momento preciso in cui è indispensabile rinvasare l'orchidea, in genere, quando le radici crescono troppo in corrispondenza alla grandezza del vaso è opportuno procedere al rinvaso. Inoltre, può essere necessario rinvasare la pianta quando c'è una quantità elevata di radici marce o comunque secche che devono essere recise per favorire la crescita della pianta.

Come rinvasare l'orchidea

Per prima cosa, prima di procedere al rinvaso è indispensabile acquistare un vaso delle giuste dimensioni, possibilmente trasparente così da poter vedere le radici e accertarsi sulla salute delle stesse.

 

Si può procedere al rinvaso avendo in mano una forbice affilata che servirà per recidere le radici, il consiglio è quello di sterilizzarla anche con un po' di alcool per evitare che le radici possano ammuffirsi o essere contaminate da batteri. Si consiglia inoltre di innaffiare l'orchidea prima del rinvaso così da non doverlo fare quando sarà a nuova dimora.

Secondo step: il trapianto

Dopo aver eliminato bene tutta la terra precedente all'interno del quale c'era l'orchidea, le radici, devono essere liberate, pulendole bene ed eventualmente eliminando le parti più rovinate. Può essere importante pulire bene anche le foglie, così da avere una base di partenza ottimale. Dopo aver effettuato tutti i passaggi, si può procedere al rinvaso, inserire la torba nel vaso prescelto e posizionare al centro la radice prima di riempire il vaso con il restante terriccio.

 

Acquistare una terra speciale per le orchidee garantisce la copiosa fioritura delle stesse. Coloro che sono più esperti nella cura delle orchidee possono anche procedere al rinvaso trapiantando la pianta madre su un legno o in acqua, serve però un po' più di esperienza per poterlo fare. Infine, per assicurarsi della buona riuscita del trapianto, non bagnare per dieci giorni.