Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • People
    • Tutto
    • Gossip e Celebrità
    • Social e Influencer
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Hobby
    • Come fare
  • Video
    • Tutto
    • Arredamento
    • Come fare
    • Costume e società
    • Divertenti
    • Green
    • Hobby
    • Ricette
    • Sport
    • Tecnologia
    • Top Video
    • Viaggi
    • Risorgimento Digitale
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 23 settembre 2021 - Aggiornato alle 18:30
News
  • 18:30 | Le foto di Robert Doisneau esposte a Rovigo
  • 16:38 | Rincaro bollette, le mosse del governo per ridurre l’impatto
  • 15:00 | Draghi: il governo non aumenterà le tasse, momento per dare non prendere
  • 14:30 | Vaccini, perché le prime dosi sono aumentate nell’ultima settimana
  • 14:29 | A Tokyo una libreria dedicata allo scrittore Haruki Murakami
  • 14:26 | Come sarà il clima nelle città italiane alla fine di questo secolo
  • 12:45 | Ad Art Basel 2021 artisti e opere di alto livello
  • 11:48 | Gli Usa hanno autorizzato la terza dose per gli over 65
  • 11:45 | Il Milan vince e riaggancia l’Inter
  • 11:40 | La prima vittoria in campionato per la Juventus
  • 10:12 | 7 cose da fare e da vedere a Ivrea
  • 09:40 | Nuova power unit per Leclerc, partirà ultimo in Russia
  • 06:30 | Elezioni federali in Germania: le cose da sapere
  • 06:05 | Il green pass in parlamento e le altre notizie sulle prime pagine
  • 06:01 | Basket, Scola a Varese non sarà solo il nuovo amministratore delegato
  • 03:23 | Green pass obbligatorio sul luogo di lavoro: le cose da sapere
  • 19:50 | MotoGP 2021, Zarco operato al braccio destro: ci sarà ad Austin
  • 19:25 | SBK 2021, programma e orari del GP di Spagna a Jerez
  • 19:00 | Covid, 3.970 nuovi casi con l'1,4% di positività
  • 18:25 | Assemblea generale dell’Onu, preoccupati per il futuro del mondo
Salute dei mari, le attrezzature da pesca sono una minaccia? Habitat marino - Credit: iStock
NATURA 3 agosto 2021

Salute dei mari, le attrezzature da pesca sono una minaccia?

di Melissa Viri

La salute dei nostri mari e degli gli oceani è in pericolo e mette a rischio anche il nostro benessere

Le loro acque ricoprono due terzi della Terra ma si parla sempre troppo poco della loro salvaguardia e del pericolo che possono costituire non solo l’inquinamento ma anche le attrezzature che vengono adoperate per la pesca.

La pesca e l’overfishing

Si calcola che ogni anno vengano pescati negli oceani circa 100 tonnellate di pesce.

Se questa tendenza non verrà invertita a breve, entro il 2048, gli oceani e i mari potrebbero non contenere più tutte le specie ittiche che oggi conosciamo. Lo sfruttamento intensivo delle risorse marine non permette alle differenti specie di sostituire il pesce pescato con nuovi nati e poco. La pesca eccessiva sta impoverendo i mari e le specie che lo popolano sono destinate all’estinzione.

 

Non è finita qua però: la pesca intensiva aumenta in modo significativo l’inquinamento dei mari. Stando a quando riportato da un rapporto di Greenpeace pubblicato nel 2019, la maggior parte dell’inquinamento da plastica presente in mare è provocato dall’abbandono di attrezzature da pesca nelle acque o lungo i litorali. Ogni anno infatti finiscono in mare 640mila tonnellate di lenze, trappole adoperate per la pesca commerciale e un numero incredibile di reti. L’inquinamento provocato dalla pesca e l’overfishing hanno un impatto devastante sui nostri oceani e a farne le spese sono i pesci e la nostra salute.

L’allevamento intensivo e le sue problematiche

Gli allevamenti intensivi ittici hanno le stesse problematiche degli allevamenti di animali come polli e bovini. I pesci vivono all’interno di vasche a terra oppure dentro gabbie messe in mare in cui nascono, crescono e si riproducono. Dentro questi recinti vivono anche 300mila pesci tutti assieme che non hanno spazio a sufficienza per nuotare o per mettere in pratica tutti quei comportamenti naturali che distinguono una specie dall’altra. Stressati in gabbie sovraffollate finiscono per ferirsi a vicenda.

 

Gli allevamenti di questo tipo hanno un elevato impatto ambientale. Rilasciano nelle acque che circonda le gabbie un enorme quantità di escrementi, batteri, grandi quantità di antibiotici senza i quali nemmeno potrebbero sopravvivere le specie in condizioni così estreme e altre sostanze chimiche inquinanti come i disinfettanti. Tutte questi rifiuti avvelenano le acque e i terreni circostanti rendendo impossibile la vita a pesci che vivono in prossimità e alle piante acquatiche. Gli allevamenti intensivi alterano significativamente l’ecosistema mettendo a rischio l’equilibrio dei mari e degli oceani.

I più visti

Leggi tutto su Lifestyle