TimGate
header.weather.state

Oggi 08 agosto 2022 - Aggiornato alle 20:00

 /    /    /  Smaltire calcinacci per privati, come fare?
Smaltire calcinacci per privati, come fare?

Strumenti per demolizione e sotto calcinacci- Credit: iStock

RIFIUTI31 marzo 2022

Smaltire calcinacci per privati, come fare?

di Melissa Viri

Più ristrutturazioni, più calcinacci da smaltire.

Il decreto Rilancio emanato per ridare uno slancio all'economia ha avuto un impatto notevole sul fronte delle ristrutturazioni edilizie che, in molti casi, sono state effettuate quasi a costo zero. Il rovescio della medaglia è stato dato dalla generazione di materiali di scarto che devono essere smaltiti in maniera corretta; esiste in merito una normativa specifica che richiede delle modalità precise affinché siano smaltiti i materiali edili derivanti da ristrutturazioni edilizie, con obblighi anche in carico al privato. Cerchiamo di capire meglio quali sono le modalità per effettuare correttamente lo smaltimento dei calcinacci.

 

 

Le modalità per smaltire i rifiuti edili

Il Testo Unico dell'Ambiente, precisamente il Decreto Legislativo 152/2006, indica delle norme ben precise circa lo smaltimento dei calcinacci derivanti da ristrutturazioni edili precisando che tale onere è a carico del soggetto che li ha generati; anche se in linea di massima questo obbligo viene trasferito all'impresa edile che si è occupata della ristrutturazione edilizia. In tal caso, quest'ultima dovrà compilare un apposito formulario all'interno del quale dovrà indicare l'origine del materiale di scarto, la natura e la qualità dello stesso e il percorso che lo stesso dovrà effettuare fino al luogo dell'effettivo smaltimento.

 

 

Quali sono gli oneri a carico del privato cittadino

Qualora i materiali edili di risulta derivino da un cittadino privato, su quest'ultimo incombe l'onere dello smaltimento. Questo deve essere effettuato seguendo particolari procedure in quanto alcuni di questi materiali sono considerati tossici; innanzitutto, durante l'esecuzione delle opere devono essere individuate delle aree dove i rifiuti dovranno essere conferiti e in ogni modo differenziati. Da una parte infatti andranno intonaci, calcinacci e pietre, dall'altro materie plastiche, legno e alluminio.

 

 

Come effettuare lo smaltimento

Se i calcinacci non superano il limite di 30 Kg al giorno e in ogni caso non sono compresi dei materiaii pericolosi, il privato potrà effettuare in autonomia lo smaltimento recandosi all'isola ecologica, senza produrre documentazione e sempre che questo ente sia abilitato alla raccolta. In caso contrario, invece, sarà opportuno rivolgersi ad una ditta specializzata e autorizzata al ritiro di calcinacci e materiali simili. Il costo per questo tipo di servizio differisce in base all'operatore e alla zona in cui viene effettuato il trattamento.