TimGate
header.weather.state

Oggi 21 maggio 2022 - Aggiornato alle 03:00

 /    /    /  Parigina bianca, la ricetta
Parigina bianca, la ricetta

La ricetta della pizza parigina- Credit: iStock

RICETTE21 gennaio 2022

Parigina bianca, la ricetta

di Melissa Viri

La pizza parigina, da provare assolutamente. Ecco la ricetta!

La parigina è una gustosa variante di pizza parigina, perfetta per essere consumata anche per aperitivo magari in abbinamento ad altre pietanze e bevande.

 

Può essere preparata in casa con un procedimento semplice e con l’utilizzo di ingredienti facilmente reperibili.

La parigina bianca

La parigina bianca è una rivisitazione della classica pizza parigina che può essere preparata anche in casa.

 

La si può gustare la sera oppure può essere anche una originale idea per impreziosire un aperitivo con amici e familiari.

 

Tra l'altro la procedura richiede pochi passaggi e l'utilizzo di ingredienti magari già trovarsi in casa oppure acquistabili in qualsiasi supermercato e negozio di generi alimentari.

Gli ingredienti

Per preparare una parigina bianca magari con farcitura a base di prosciutto e di qualche formaggio spalmabile come anche lo stracchino, sono necessari:

  • 500 g di farina 00
  • 5 g di lievito di birra
  • 300 ml di acqua

 

  • 10 g di sale
  • 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • un pizzico di zucchero.

 

Per quanto riguarda il ripieno si può scegliere varie versioni della parigina bianca ma una delle più gustose prevede l'utilizzo di patate, pepe, un pizzico di sale, prosciutto cotto, fiordilatte oppure stracchino.

La preparazione

La prima fase della ricetta prevede la preparazione dell'impasto per cui si utilizza una ciotola nella quale si mescolano contemporaneamente lievito, zucchero e acqua.

 

In un'altra, invece, si inizia a preparare la farina alla quale va aggiunto poco alla volta l'olio, il sale e l'acqua che abbiamo ottenuto precedentemente con lievito e zucchero.

 

A questo punto occorre iniziare a lavorare con le proprie mani per ottenere un impasto quanto più compatto possibile.

 

Una volta ottenuta la consistenza cercata si deve far lievitare il tutto almeno per 12 ore in un recipiente che può essere la stessa ciotola e soprattutto coprendolo con un canovaccio.

 

È fondamentale affinché la lievitazione avvenga in maniera corretta che la temperatura sia intorno ai 20 gradi.

Le altre fasi della preparazione e la cottura

Trascorso il tempo necessario per la lievitazione naturale si prende l'impasto e lo si stende aiutandosi esclusivamente con le mani e facendo un movimento ad allargare con i polpastrelli, dal centro verso l'esterno.

 

Una volta disteso tutto l'impasto nella parte centrale si inserisce la farcitura che nel nostro caso è quella che prevede patate, fiordilatte, prosciutto cotto oppure lo stracchino.

 

Non resta che chiudere il tutto stando ben attenti a sigillare gli spazi esterni sulla parte laterale per evitare che la farcitura possa fuoriuscire durante la cottura.

 

Inoltre, è consigliato bucherellare con una forchetta per consentire all'impasto di respirare e quindi non gonfiarsi eccessivamente.

 

Non resta che procedere con la cottura che deve avvenire in un forno pre riscaldato ad una temperatura di 190 gradi e per una mezzoretta. È anche possibile prima della cottura spennellare un po' di uova.