TimGate
header.weather.state

Oggi 03 ottobre 2022 - Aggiornato alle 13:38

 /    /    /  Pettole pugliesi: la ricetta tradizionale
Pettole pugliesi: la ricetta tradizionale

- Credit: iStock

RICETTE11 settembre 2022

Pettole pugliesi: la ricetta tradizionale

di Melissa Viri

Un piatto goloso della tradizione culinaria pugliese.

Le pettole sono delle frittelle di pasta lievitata morbida che vengono preparate in Puglia, Calabria, Campania, Sicilia e Basilicata. Esistono diverse varianti e diversi nomi per indicare lo stesso tipo di ricetta. Si può preparare sia la versione salata che quella dolce.

Anche il ripieno può essere diverso: si possono mettere le acciughe, il pomodoro, il tonno, i capperi e così via. Dipende tutto dai nostri gusti.

La versione dolce prevede che le palline vengano passate nello zucchero semolato e riempite con uvetta o pinoli.

Si cucinano di solito per San Giuseppe, Carnevale e altre feste. Si possono friggere in olio di semi o anche d’oliva che deve essere bollente per far sì che non restino crude e per farle venire morbide è necessario che durante la lavorazione della pasta questa incameri aria.

L’impasto deve riposare in un luogo coperto da uno strofinaccio o una coperta e deve stare al caldo per far sì che lieviti il più possibile.

Vediamo quindi come si preparano le pettole!

  • Preparazione: 30 minuti
  • Cottura: 20 minuti

Ingredienti

  • 500 grammi farina 0
  • 4 cucchiai olio extra vergine d’oliva
  • 12 grammi sale
  • 20 grammi lievito di birra
  • 400 ml acqua gassata tiepida
  • olio di semi per friggere

Preparazione

  1. In una ciotola unire la farina, il lievito sciolto in un po’ d’acqua, l’olio, il sale e l’acqua gasata e impastare lavorando bene il composto.
  2. Fare lievitare finché non appariranno sulla superficie le bolle (dopo circa 2 ore).
  3. Mettere a riscaldare l’olio una padella capiente.
  4. Creare le palline e farle friggere per bene. Volendo ci si può aiutare con due cucchiai.
  5. Friggere le pettole per qualche minuto, finché non saranno dorate.
  6. Estrarle dalla padella e porle sulla carta da cucina per assorbire l’olio in eccesso.