Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Per Conoscere
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 06 marzo 2021 - Aggiornato alle 15:54
Live
  • 15:49 | I videogames a tutela dell'ambiente
  • 15:44 | Tinture per capelli ecobio: come rispettare l'ambiente
  • 15:31 | Sanremo 2021: tutte le citazioni d’arte
  • 15:30 | Sanremo 2021, il programma e gli ospiti della serata finale
  • 12:33 | I colori delle regioni dall’8 marzo
  • 12:23 | La Juve contro la Lazio per continuare a crederci
  • 12:17 | Sanremo: i look più belli dell'anno scorso
  • 12:17 | Carta da parati ispirata ai viaggi
  • 12:09 | Gli errori più comuni quando si fotografa e come evitarli
  • 12:03 | Lo yeti, tra leggende e credenze
  • 11:46 | King's Bounty II sarà disponibile dal 24 agosto
  • 11:20 | Basket, Serie A 2020/2021: il programma della ventunesima giornata
  • 11:00 | Colla di pesce fatta in casa, la ricetta
  • 10:43 | Google rilascerà una nuova versione di Chrome ogni quattro settimane
  • 10:00 | Budino ai semi di chia
  • 09:38 | TIM e Caritas insieme per l’ambiente e per il sociale
  • 06:00 | Rassegna stampa: il Papa in Iraq, le misure anti-Covid in Italia
  • 01:00 | Come partecipare al concorso TIM Unica e vincere un viaggio di 365 giorni
  • 23:55 | Le pagelle della quarta serata di Sanremo 2021
  • 23:50 | Fallo di mano: ecco come cambia la regola
Ricetta della frutta martorana Frutta martorana - Credit: iStock
RICETTE 25 gennaio 2021

Ricetta della frutta martorana

di Melissa Viri

La frutta martorana è un dolce simile al marzapane originario di Palermo famoso principalmente per la sua forma caratteristica

La tradizione di modellare il marzapane a forma di frutta è nata nel convento della Martorana, da cui deriva il nome di queste piccole delizie che i palermitani usano regalare ai più piccoli la notte fra Ognissanti e i Morti.

 

L’assortimento va dai limoni alle mele, dai fichi d’india alle banane, passando per castagne, fragole e ciliegie.

Oggi la frutta martorana è diffusa in tutta Italia soprattutto nel periodo delle feste natalizie, ma fa mostra di sé nelle vetrine tutto l’anno.

 

Ecco la ricetta della frutta martorana.

Ingredienti:

  • 500 g di mandorle pelate
  • 500 g di zucchero
  • 125 ml di acqua
  • 6 chiodi di garofano
  • ¼ di fialetta di aroma alla vaniglia
  • mezzo cucchiaino di aroma di mandorla amara

Per la decorazione:

  • coloranti alimentari in polvere (o liquidi)
  • gomma arabica

Occorrente:

  • stampi e forme in gesso per frutta martorana
  • foglie, piccioli e altre decorazioni non commestibili in base al tipo di frutta
  • pennelli per stendere i colori
  • termometro da cucina

Attenzione: il trucco della bontà della frutta martorana sta nelle quantità. C’è chi usa due parti di zucchero e una di mandorle, chi tre di zucchero e due di mandorle e chi, come nel nostro caso, una parte di zucchero e una di mandorle.

Preparazione:

Tritare le mandorle molto finemente fino a quando non assumeranno la consistenza di una farina. Fatto ciò, versare l’acqua in un pentolino, aggiungere i fiori di garofano e mettere a scaldare sul fuoco.

 

Una volta raggiunta la temperatura di 110°C (misurare con l’apposito termometro), versare lo zucchero e mescolare finché non si scioglie del tutto. Quindi spegnere il fuoco, togliere i chiodi di garofano e aggiungere gli aromi e la farina di mandorle.

 

Mescolare in continuazione con il cucchiaio di legno per far evaporare ogni traccia di umidità: il tutto è pronto quando il composto si stacca facilmente dalle pareti.

 

Versare il composto sulla spianatoia, lavorarlo ancora un po’ per renderlo più liscio, dividerlo in due e lasciarlo raffreddare completamente. Con l’ausilio di apposite formine ricavare tanti piccoli frutti e disporli man mano su un vassoio.

 

Lasciare asciugare per 24 ore. Trascorso questo tempo, diluire i coloranti alimentari con qualche goccia d’acqua e colorare la frutta martorana servendosi di un pennello.

 

Non appena i frutti saranno completamente asciutti, lucidarli con la gomma arabica e ultimare aggiungendo i piccioli e le foglie.

 

Riporre in luogo fresco fino al momento di servire.

I più visti

Leggi tutto su Lifestyle