TimGate
header.weather.state

Oggi 30 settembre 2022 - Aggiornato alle 11:14

 /    /    /  Le dimissioni della direttrice della sezione ucraina di Amnesty
Le dimissioni della direttrice della sezione ucraina di Amnesty

- Credit: Mykhaylo Palinchak / SOPA Images / Ipa-Agency.Net / Fotogramma

GUERRA07 agosto 2022

Le dimissioni della direttrice della sezione ucraina di Amnesty

di Gianluca Cedolin

In disaccordo con un rapporto dell'organizzazione

La direttrice della sezione ucraina di Amnesty International, Oksana Pokalchuk, si è dimessa dall'incarico, dopo che l'organizzazione ha accusato le forze armate ucraine di aver messo a rischio i civili. Secondo un rapporto di Amnesty international, infatti, l'esercito ucraino avrebbe collocato in zone residenziali parte delle truppe che combattono per fermare l'invasione russa, mettendo in pericolo i civili. Il governo ucraino ha paragonato questo rapporto alla disinformazione e alla propaganda russa.

 

Zelensky ha accusato l'organizzazione di complicità con l'attacco russo all'Ucraina, scrive Il Post, dicendo che Amnesty stava cercando di trasferire le responsabilità sulla vittima. Una visione condivisa da Pokalchuk, che poco prima di dimettersi ha detto che 'involontariamente, l’organizzazione ha creato del materiale che sembra a sostegno della narrativa russa. Nello sforzo di proteggere i civili, questo studio è diventato uno strumento della propaganda russa. Ammetterlo è doloroso - ha scritto -, ma ci troviamo in dissenso con la leadership internazionale di Amnesty. Per questo ho deciso di lasciare l’organizzazione'.