TimGate
header.weather.state

Oggi 09 agosto 2022 - Aggiornato alle 23:06

 /    /    /  Hong Kong Cina ha approvato legge sicurezza nazionale
Hong Kong, la Cina ha approvato la legge di sicurezza nazionale

Hong Kong, proteste contro la Cina- Credit: SOPA Images / SIPA/SIPA / IPA / Fotogramma

ASIA30 giugno 2020

Hong Kong, la Cina ha approvato la legge di sicurezza nazionale

di Michela Cannovale

Joshua Wong: "Questa è ;la fine. ;Hong Kong diventerà uno Stato di polizia"

Con il voto favorevole dei 162 membri del comitato permanente dell’Assemblea nazionale del popolo di Pechino, la Cina ha approvato la legge di sicurezza nazionale per Hong Kong la mattina 30 giugno.

 

Il testo della legge non è ancora noto

Il testo della legge verrà reso noto nel corso delle prossime ore. La stessa leader di Hong Kong Carrie Lam ha dichiarato di non averlo letto.

 

A inizio giugno i media di Stato cinesi ne avevano pubblicato alcuni stralci da cui pareva chiaro che il governo centrale cinese avrebbe creato un proprio distaccamento nell’ex colonia così da poter tenere sotto controllo la “sicurezza nazionale” ed estradare i “criminali sospetti” in Cina.

 

"La fine della Hong Kong che il mondo conoscenza"

Quella che per le autorità cinesi rappresenta una mossa necessario per porre fine alle proteste nell’ex colonia britannica punendo qualunque atto di sovversione, secessione o collusione con le forze straniere portato avanti dai suoi abitanti, rischia di decretare la fine dell’autonomia garantita alla città dopo che, nel 1997, fu riconsegnata alla Cina nonostante vari funzionari cinesi abbiano assicurato che l'applicazione della legge rispetterà i diritti fondamentali dei cittadini.

 

- LEGGI ANCHE: La fine dell’autonomia per Hong Kong

- E ANCHE: Le sanzioni Usa contro la Cina per salvare Hong Kong

 

La nuova legge potrebbe essere inserita immediatamente all’interno della Basic Law di Hong Kong entrando in vigore dall’1 luglio, di fatto cancellando la formula “un Paese, due sistemi” valida fino ad oggi.

 

Joshua Wong, leader del gruppo Demosisto ad Hong Kong che ha dato il via alle prime proteste contro la legge di estradizione nel 2019, ha abbandonato il suo ruolo politico a poche ore dall’approvazione della legge, prima di scrivere su Twitter: è "la fine della Hong Kong che il mondo conosceva. Con poteri spazzati via e una legge indefinita, la città diventerà uno Stato di polizia segreta".