TimGate
header.weather.state

Oggi 03 agosto 2022 - Aggiornato alle 08:00

 /    /    /  Cina: figli strappati ai genitori musulmani
Cina: figli strappati ai genitori musulmani

DIRITTI UMANI06 luglio 2019

Cina: figli strappati ai genitori musulmani

di Michela Cannovale

Xinjiang, ;dettagli agghiaccianti di un genocidio culturale

  • Secondo quanto scrive la BBC, la Cina sta deliberatamente separando i bambini musulmani dalle loro famiglie, dalla loro religione e dalla loro lingua nella regione dello Xinjiang.
  • Mentre migliaia di adulti di fede islamica sono detenuti in campi enormi di detenzione, i loro figli vengono spediti in collegi costruiti apposta per loro e per la loro "rieducazione".
  • Accanto agli sforzi per trasformare l'identità degli adulti nello Xinjiang, infatti, le prove indicano una campagna parallela per allontanare sistematicamente i bambini dalle loro radici culturali.
  • Dopo l’allontanamento dai genitori, vengono effettuate valutazioni formali per determinare se i bambini hanno bisogno di "cure centralizzate".
  • La stretta sorveglianza e il controllo della Cina nello Xinjiang, dove i giornalisti stranieri sono seguiti 24 ore su 24, rendono impossibile la raccolta di testimonianze in loco.
  • I testimoni si trovano però a Istanbul, Turchia, dove chi fugge dalla Xinjiang può raccontare la verità sulle proprie vicende personali.
  • La BBC ha riportato l’intervista ad una madre che dice: "Non so chi si occupi di loro, non abbiamo alcun contatto", indicando una foto delle sue tre figlie.
  • In 60 interviste separate, i genitori hanno parlato della scomparsa di oltre 100 bambini nello Xinjiang.
  • Le famiglie nel mirino delle autorità cinesi sono perlopiù uiguri, il gruppo etnico più grande e prevalentemente musulmano, che per lungo tempo ha avuto legami con la Turchia.
  • La repressione nei loro confronti si è rafforzata negli ultimi tre anni.
  • Nel 2018 sono iniziati i lavori per la costruzione di due scuole medie nella città di Yecheng, nello Xinjiang.
  • Le due strutture, separate da un campo sportivo condiviso, sono tre volte più grandi della media nazionale e sono state costruite in poco più di un anno, per accogliere quanti più bambini possibile.
  • La propaganda governativa esalta le virtù dei scuole come aiuto per "mantenere la stabilità sociale e la pace, prendendo il posto dei genitori".
  • Ma lo scopo è probabilmente un altro: “I collegi sono il contesto ideale per reprimere e poi sviluppare e radicare i valori culturali della società in cui si vive”, suggerisce la BBC.
  • Molte scuole sono piene di sistemi di sorveglianza a copertura totale, allarmi perimetrali e recinzioni elettriche da 10mila volt.

 

LEGGI ANCHE: La Cina controlla segretamente i telefoni dei turisti

 

Foto: iStock