TimGate
header.weather.state

Oggi 21 maggio 2022 - Aggiornato alle 17:08

 /    /    /  La classifica delle città più vivibili secondo il Gpci
La classifica delle città più vivibili

- Credit: Pixabay

GLOBAL POWER CITY INDEX02 dicembre 2021

La classifica delle città più vivibili

di Tina Carlyle

Londra in testa per il decimo anno consecutivo alla graduatoria Gpci. Milano unica italiana

Secondo la classifica annuale del Global Power City Index (Gpci), l'indice realizzato dall'ente di ricerca giapponese Mori Memorial Foundation che misura l'attrattiva e i livelli di vivibilità di 50 metropoli al mondo, è Londra la città più vivibile al mondo nel 2021.

 

La capitale britannica è al primo posto per il decimo anno consecutivo. Seguono, al secondo e terzo posto, New York e Tokyo.

 

Parigi, Singapore e Amsterdam si piazzano rispettivamente in quarta, quinta e sesta posizione.

 

A chiudere la top ten compaiono Berlino al settimo posto, Seul all'ottavo, Madrid in salita dal tredicesimo al nono posto e, infine, Shanghai.

-------

LEGGI ANCHE:

Città dei 15 minuti: perché deve contrastare le disuguaglianze

--------

 

L'Europa è il continente con il maggior numero di città presenti in classifica, a quota 17, seguita dall'Asia con 13, e dal Nord America con 8.

 

L'unica rappresentante italiana all'interno della classifica del Gpci è Milano, che dalla trentanovesima posizione del 2020 è passata al numero trentatré nel 2021.

 

La lista delle metropoli si basa su cinque criteri principali: l'aspetto economico, la Ricerca e Sviluppo, le attività culturali, il livello di vivibilità nel campo sociale, l'idoneità ambientale e la funzionalità del sistema dei trasporti. Quest'anno, come quello passato, è stato preso in considerazione anche l'impatto della pandemia e la capacità di gestione della città (nello specifico, viene tenuto conto delle restrizioni sulle attività lavorative, dei limiti imposti agli spostamenti, della conduzione del business commerciale e dell'evoluzione dell'ambiente urbano in relazione all'emergenza sanitaria).