TimGate
header.weather.state

Oggi 02 luglio 2022 - Aggiornato alle 10:30

 /    /    /  Come funziona l'adesione alla Nato
Come funziona l'adesione alla Nato

Vertice Nato a Berlino, 15 maggio 2022- Credit: IMAGO/Thomas Koehler / Ipa-Agency.net / Fotogramma

PATTO ATLANTICO16 maggio 2022

Come funziona l'adesione alla Nato

di Michela Cannovale

L'unanimità dei paesi membri, i requisiti, gli accession talks: ecco tutti i passaggi per entrare nell'Alleanza

È l'argomento principe di questi giorni: Finlandia e Svezia hanno espresso la loro volontà di entrare a far parte della Nato. L’ultimo paese ad aver raggiunto questo obiettivo è stata la Repubblica della Macedonia del Nord nel 2020. Altrettanto vorrebbero fare anche la Georgia, l’Ucraina e la Bosnia ed Erzegovina.

 

Cerchiamo di capire che cosa vuol dire esattamente prepararsi per diventare membri del Patto Atlantico, quali sono i requisiti, i passaggi da seguire e in cosa consiste la domanda ufficiale.

 

- I paesi che intendono aderire alla Nato, innanzitutto, devono esprimere ufficialmente il loro interesse. La loro adesione, tuttavia, non è subordinata solo ad alcuni requisiti delle stesse nazioni interessata in questione, ma anche al parere favorevole di tutti i paesi già membri dell'Alleanza. Come si legge nell'articolo 10 del Trattato di Washington, trattato che è base fondante del Patto Atlantico, infatti, "le parti possono, con accordo unanime, invitare ad aderire a questo Trattato ogni altro Stato europeo in grado di favorire lo sviluppo dei principi del presente Trattato e di contribuire alla sicurezza della regione dell'Atlantico settentrionale. Ogni Stato così invitato può divenire parte del Trattato depositando il proprio strumento di adesione presso il governo degli Stati Uniti d'America. Il governo degli Stati Uniti d'America informerà ciascuna delle parti del deposito di ogni strumento di adesione".

 

- Alla manifestazione d'interesse da parte del paese interessato, segue il cosiddetto "dialogo intensificato" con l'Alleanza: obiettivo del dialogo è verificare la genuinità delle aspirazioni all'adesione e la presenza dei requisiti per l'ingresso.

 

- Tra i requisiti necessari per entrare a far parte della Nato, vi sono: avere un sistema politico democratico, un'economia di mercato, garantire un trattamento equo alle minoranze, avere la capacità e la volontà di contribuire militarmente alle operazioni dell'Allenaza pur preferendo sempre la via della risoluzione pacifica dei conflitti.

 

- Oltre al "dialogo intensificato", il secondo meccanismo di pre-adesione è il Piano d'azione per l'adesione o Membership Action Plan (MAP), introdotto solo nel 1999, e che prevede, la presentazione di un rapporto annuale sui progressi fatti nel raggiungere i criteri stabiliti dall'Alleanza.

 

- Una volta portati a termine i meccanismi di pre-adesione, i paesi membri invitano lo Stato in questione ad entrare nella Nato, vengono implementate le misure affinché le informazioni riservate della Nato rimangano secretate e adeguati i servizi d’intelligence: è la fase degli "accession talks".

 

- "Il prodotto finale di queste discussioni", si legge sul sito della Nato, "è un calendario che ogni invitato sottopone per il completamente delle riforme necessarie, processo che può continuare anche dopo che questi Paesi sono diventati membri della Nato".

 

- Agli "accession talks" segue la preparazione del cosidetto "accession protocol", che deve essere approvato e convalidato da tutti gli Stati membri.

 

- Il processo di adesione alla Nato termina con l'ingresso formale del paese nell'Alleanza.

 

>>SPECIALE GUERRA IN UCRAINA