TimGate
header.weather.state

Oggi 12 agosto 2022 - Aggiornato alle 12:13

 /    /    /  Usa, l'agente che uccise Floyd è stato condannato
Usa, condannato l'agente che uccise George Floyd

Foto segnaletiche di Derek Chauvin, condannato per l'omicidio di George Floyd- Credit: Hennepin County Sheriff’s Office / IPA / Fotogramma

giustizia21 aprile 2021

Usa, condannato l'agente che uccise George Floyd

di Michela Cannovale

Biden: "Un passo da giganti nella marcia verso la giustizia in America". L'entità della ;pena ;fra alcune settimane ;

Esulta il movimento Black Lives Matter mentre il giudice legge il verdetto del processo contro Derek Chauvin, l'ex agente di polizia che, a Minneapolis, il 25 maggio del 2020, provocò la morte di George Floyd, il 46enne afroamericano diventato poi il simbolo delle manifestazioni di protesta in tuttigli Stati Uniti. Chauvin lo uccise premendogli un ginocchio sul collo per otto minuti. Il decesso, secondo quanto confermato anche dal medico legale, sopravvenne per asfissia.

 

La giuria presente in tribunale (istituita dopo due settimane di selezione, mista non solo per genere, colore e background economico, formata da sei donne bianche, tre uomini neri, tre uomini bianchi, due donne meticce e una donna nera) ha condannato Chauvin per omicidio dopo dieci ore di camera di consiglio, giudicandolo colpevole per tutti e tre i capi di accusa, incluso quello più grave di omicidio colposo preterintenzionale.

 

Il processo era iniziato lo scorso 29 marzo. Chauvin era stato arrestato il 31 marzo 2020 dopo l'omicidio di Floyd, per poi essere rilasciato su cauzione quasi sette mesi dopo, ad ottobre, alle seguenti condizioni: il pagamento di un milione di dollari e libertà vigilata fino all'inizio del processo, a patto che non tornasse a lavorare nelle forze dell'ordine, non entrasse in contatto diretto o indiretto, via social, con la famiglia Floyd e riconsegnasse qualsiasi licenza o permesso per le armi.

 

- LEGGI ANCHE: I nuovi dettagli sulla morte di George Floyd

- E ANCHE: Stati Uniti, il peccato originale della schiavitù

 

L'intervento di Joe Biden

Il presidente Usa Joe Biden ha chiamato la famiglia di Floyd per commentare il verdetto. Dopodiché, parlando alla nazione in tv, ha detto: "Oggi abbiamo compiuto un passo avanti contro il razzismo sistemico che è una macchia per l'anima del nostro Paese. Oggi è stato compiuto un passo da giganti nella marcia verso la giustizia in America".

 

La morte di George Floyd è stata "un omicidio alla luce del giorno", ha detto, e anche se il verdetto può rappresentare "un cambiamento significativo", bisogna fare molto di più, ha sottolineato.

 

"George Floyd ha implorato 'Non posso respirare, non posso respirare'. Non possiamo lasciare che queste parole muoiano con lui. Ai figli di George dobbiamo dire: 'Papà ha cambiato il mondo'".

 

La condanna a Chauvin

Derek Chauvin rischia adesso fino a 40 anni di carcere, anche se con le attenuanti e per l'assenza di precedenti la pena potrebbe essere più leggera. Secondo i media americani potrebbero volerci fino a otto settimane prima che l'entità della pena venga decisa.

 

Intanto l'ex poliziotto ha lasciato l'aula in manette, mentre dentro e fuori il tribunale il giudizio di colpevolezza è stato accolto da un sonoro applauso, urla di gioia e approvazione.

 

- LEGGI ANCHE: George Floyd, in tribunale gli agenti coinvolti nel suo omicidio