• News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Tecnologia
    • Gossip e Celebrità
    • Spazio Solidale
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • People
    • Tutto
    • Gossip e Celebrità
    • Social e Influencer
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Hobby
    • Come fare
  • Video
    • Tutto
    • Arredamento
    • Come fare
    • Costume e società
    • Divertenti
    • Green
    • Hobby
    • Moda
    • Ricette
    • Sport
    • Tecnologia
    • Top Video
    • Viaggi
    • Risorgimento Digitale
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 23 gennaio 2022 - Aggiornato alle 23:06
News
  • 21:17 | Il problema della conservazione delle opere d’arte
  • 21:15 | Juventus, Chiesa operato al crociato: stagione conclusa
  • 20:35 | Come vedere in tv tutte le partite della Serie A TIM, della Champions e molto altro
  • 20:29 | Paura per Sofia Goggia, c’è la distorsione al ginocchio
  • 20:13 | Il Napoli celebra Insigne, che eguaglia i gol di Maradona
  • 20:11 | Roma a valanga ad Empoli, 4-2 con doppietta di Abraham
  • 19:36 | Le dimissioni del presidente armeno Sarkissian
  • 19:31 | Cosa ha detto l'Oms sulla fine della pandemia
  • 19:18 | Il poker del Napoli alla Salernitana (4-1)
  • 18:00 | Un Picasso surrealista da record in asta
  • 17:50 | Covid, i dati del 23 gennaio: tasso di positività al 14,9%
  • 17:17 | Napoli poker alla Salernitana, ora è secondo
  • 14:55 | Cagliari-Fiorentina 1-1, gol ed emozioni
  • 14:46 | Quirinale: le regole del governo per far votare i positivi
  • 14:15 | Un’opera di Nicolas Poussin entra nella collezione del Met
  • 14:07 | Barone: 'Vlahovic deve dirci cosa vuole fare'
  • 12:55 | SBK, Chaz Davies allenerà i piloti Ducati nel 2022
  • 12:23 | L’Atalanta decimata strappa un pari alla Lazio
  • 10:42 | Quattro regioni in zona arancione dal 24 gennaio
  • 10:41 | L’Inter vince ancora e vola a +5
Ursula von der Leyen, presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen, presidente della Commissione Ue - Credit: Pool / ABACA / IPA / Fotogramma
AMBIENTE 14 novembre 2021

Cop26, cosa è stato detto l'ultimo giorno del vertice

di Tina Carlyle

Johnson: "C'è ancora molto da fare". Greta Thunberg: "Un breve riassunto? Bla, bla bla"

La Cop26 di Glasgow, il vertice Onu sul clima iniziato il 31 ottobre, si è concluso il 12 novembre dopo due settimane di trattative con un'intesa sull'impegno internazionale contro l'emergenza climatica  e l'approvazione di un documento firmato da circa 200 Stati (lo spieghiamo a questo link). 

 

Ecco di seguito i commenti dei protagonisti principali della conferenza, da Alok Sharma a Greta Thunberg.

 

Sharma: "Accordo storico.

India e Cina devono spiegazioni a paesi vulnerabili"

Il presidente della Cop26 Alok Sharma ha anche insistito sul fatto che l'accordo finale della Cop26 sia "storico" perché "mantiene 1,5 gradi a portata di mano" e perché è il primo accordo sul clima in assoluto che prevede esplicitamente di ridurre il carbone. Intervistato per l'Andrew Marr Show di Bbc One, ha affermato che l'accordo è stato una "vittoria fragile", specificando che "Cina e India dovranno dare spiegazioni riguardo cosa hanno fatto ai paesi più vulnerabili al clima del mondo", ha affermato oggi.

 

Johnson: "C'è ancora molto da fare"

"C'e' ancora molto da fare negli anni a venire", per il premier britannico Boris Johnson, capo del Paese che ha ospitato la conferenza. "Ma l'accordo è un grande passo avanti", ha commentato. "E ciò che è importante è che abbiamo il primo accordo internazionale in assoluto per ridurre l'uso del carbone e un piano per limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi" in più rispetto all'era preindustriale". L'accordo raggiunto alla Cop26 di Glasgow è "davvero storico" ed è il "tipo di accordo svolta che il mondo aveva bisogno di vedere".

Johnson ha ammesso che le conclusioni sono "venate di delusione" per quanto riguarda la sostituzione del termine 'eliminazione' con 'riduzione' del carbone. Ma ha sottolineato: "Noi possiamo fare pressioni, possiamo blandire, incoraggiare, ma non possiamo costringere nazioni sovrane a fare quello che non vogliono fare... alla fine la decisione è la loro... purtroppo è la natura della diplomazia".

 

Von der Leyen: "Cop26 ha mantenuto vivi gli obiettivi dell'accordo di Parigi"

La Cop26 "ha mantenuto vivi gli obiettivi dell'accordo di Parigi, dandoci la possibilità di limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi Celsius", ha detto la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen. "Abbiamo compiuto progressi nel raggiungimento dei tre obiettivi che ci siamo prefissati all'inizio della Cop26" e "questo ci rende fiduciosi di poter fornire all'umanità uno spazio sicuro e prospero su questo pianeta. Ma non è così - ha aggiunto - non ci sarà tempo da perdere: ci aspetta ancora un duro lavoro".

 

Cingolani: "Compromesso è parte del mestiere"

"Non è un compromesso annacquato, dovevamo portare a bordo tutto il mondo, più di 195 Paesi, con un accordo che doveva tenere la barra a +1,5 gradi il riscaldamento globale e non a +2 gradi", ha detto il ministro per la Transizione ecologica, Roberto Cingolani, a Rainews24. "India e Cina hanno posto sostanzialmente un veto, hanno chiesto un alleggerimento di una condizione che, posso garantire, è abbastanza marginale, però questo ci ha consentito di averli a bordo nella Cop che adesso ha sancito le regole di trasparenza e implementazione per quello che faremo nei prossimi anni".

 

Comunque, "non sono soddisfattissimo", ha aggiunto Cingolani, ma "mi rendo conto che con queste dimensioni a questi livelli, purtroppo il compromesso è parte del mestiere. Qui non si tratta di tecnica, ma di diplomazia". 

 

Wwf: "Cop26 si è conclusa con decisioni deboli"

Secondo il Wwf la Cop26 si è conclusa "con decisioni deboli in una serie di aree importanti, tra cui l'adattamento, il cosiddetto Loss and Damage (perdite e danni) e la finanza climatica" ma "nel testo ci sono degli appigli significativi che i paesi possono sfruttare per aumentare le proprie ambizioni climatiche a breve termine e per implementare politiche climatiche vincolanti".

 

L'accordo, tuttavia, "per la prima volta menziona i sussidi ai combustibili fossili in un testo finale approvato" e "questo è un elemento importante, così come il riconoscimento della necessità di accelerare gli investimenti in energia pulita, garantendo allo stesso tempo una giusta transizione".

 

Greenpeace: "È un accordo debole e manca di coraggio"

Per Jennifer Morgan, direttrice esecutiva di Greenpeace International, quello della Cop26 "è un accordo debole e manca di coraggio. L'obiettivo di limitare il riscaldamento globale entro la soglia di 1,5 gradi è appeso a un filo ma è stato dato un chiaro segnale: l'era del carbone è agli sgoccioli e questo conta. Mentre si riconosce la necessità di tagliare in modo drastico le emissioni già in questo decennio, gli impegni sono stati però rimandati al prossimo anno. I giovani cresciuti con la crisi climatica non potranno tollerare altri rinvii. Perché dovrebbero quando lottano per il loro futuro?".

 

Greta Thunberg: "Cop26 è finita. Ecco un breve riassunto: Bla, bla, bla"

Greta Thunberg ha pubblicato il suo commento su Twitter: "La Cop26 è finita. Ecco un breve riassunto: Bla, bla, bla. Ma il vero lavoro continua fuori da questi saloni. E noi non ci arrenderemo mai, mai", ha scritto. 

I più visti

Leggi tutto su News