TimGate
header.weather.state

Oggi 03 luglio 2022 - Aggiornato alle 03:00

 /    /    /  Economia, così gli Stati Uniti vogliono tornare protagonisti in Asia
La globalizzazione dal volto umano secondo Joe Biden

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden- Credit: Ting Shen/Ipa Fotogramma

economia più equa23 maggio 2022

La globalizzazione dal volto umano secondo Joe Biden

di Luigi Gavazzi

Presentato a Tokyo l'Indo Pacific Economic Framework: ecco che cos'è

Importante iniziativa diplomatico-economica della Casa Bianca di Joe Biden in Asia. Il presidente americano ha oggi infatti lanciato a Tokyo "l'Indo Pacific Economic Framework (Ipef)”. Coinvolge già 13 paesi, fra i quali Australia, Brunei, India, Indonesia, Corea del Sud, Malaysia, Nuova Zelanda, Filippine, Singapore, Thailandia e Vietnam, oltre agli Stati Uniti. Si tratta del 60% della popolazione e il 40% del Pil dell'enorme area dell'Asia sud-orientale e del Pacifico.

*Ma di cosa si tratta?* In pratica è un quadro dentro il quale favorire la cooperazione su:
-resilienza delle catene di fornitura
-clima e transizione ecologica
-tasse e trasparenza
-commerci e investimenti.

L'obiettivo per gli Stati Uniti è rilanciare la leadership americana nel Pacifico e far fronte contro l’espansionismo cinese. Ma, sostengono Biden e i suoi, non si tratta solo di Asia né solo di economia.

Leggi anche:
Per l'economia è la più grande prova dalla Seconda guerra mondiale
Economia mondiale: la guerra e i timori di inflazione
Come sta l'economia cinese, fra Covid e guerra in Ucraina
L'impatto della guerra sull'economia mondiale

Come ha spiegato ai giornalisti il Consigliere per la sicurezza nazionale di Joe Biden, Jacob Sullivan, presentando il framework ai giornalisti, l'obiettivo è ricostruire la globalizzazione, dopo la crisi causata dal Covid e dalla guerra in Ucraina, ma in forme più moderate e eque, con più attenzione alla giustizia sociale. Per evitare nuove fiammate del populismo e le gravi forme di disuguaglianze. È noto infatti che il trumpismo aveva costruito le sue fortune proprio sul disagio dei lavoratori americani espulsi dai processi virtuosi del lavoro anche a causa (ma non solo) degli accordi di globalizzazione con l'Asia orientale.

Secondo la Segretaria al Commercio Usa, Gina Raimondo, spiega Paolo Mastrolilli su Repubblica, il senso dei quattro pilastri del framework si sintetizza così: "Resilienza delle catene di fornitura, anche attraverso l’innovazione tecnologica; clima, per proteggere il pianeta e raccogliere i frutti della transizione ecologica; tasse e trasparenza, per rendere più equo il sistema e recuperare risorse perdute a causa della corruzione; commerci, che non significa solo togliere le tariffe, ma dare accesso a servizi e capitali fondamentali nel ventunesimo secolo".

Non mancano comunque dubbi e critiche al progetto Ipef. Secondo alcuni, per esempio, è assai vago e restano in vigore le tariffe contro la Cina volute da Trump che Biden non intende cancellare per non incorrere nelle ire degli elettori americani nell'anno delle elezioni di mid-term.