Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 26 novembre 2020 - Aggiornato alle 22:00
Live
  • 21:52 | Marco Belinelli lascia l'Nba e torna in Italia alla Virtus Bologna
  • 21:45 | Google Meet: disponibili i report e il contatore dei partecipanti
  • 21:27 | Diane Keaton promuove il nuovo “Padrino III”
  • 21:15 | Insigne: 'Diego ci ha dato tanto. La 10 deve essere sua'
  • 21:13 | Napoli-Rijeka, azzurri in campo con la maglia numero 10
  • 21:08 | Europa League, Lilla-Milan 1-1, a Castillejo risponde Bamba
  • 21:02 | Insigne depone corona di fiori all'esterno del San Paolo
  • 20:59 | Incidenti a Buenos Aires, feretro spostato dalla Casa Rosada
  • 20:02 | Salesforce starebbe trattando l'acquisizione di Slack
  • 19:31 | TikTok e l’adesione all’alleanza europea per la tutela dei minorenni
  • 19:30 | Donald Trump e Melania mano nella mano
  • 19:05 | Londra, l’allentamento della quarantena per chi arriva dall’estero
  • 18:31 | Il Papa gli dedica una storia sull'account Instagram
  • 18:14 | Netflix vuole comprare “Godzilla vs. Kong”: muro della Warner
  • 18:02 | Tapiro a Conte: 'Se non mangerò il panettone non l'avrò meritato'
  • 17:45 | Chi è Roddy Ricch, fenomeno del rap mondiale
  • 17:45 | Kate Middleton come Elizabeth Bowes
  • 17:30 | Covid-19, aumentano i decessi in Italia: 822 in 24 ore
  • 17:16 | Bruce Springsteen ha qualcosa da dire allo sconfitto Trump
  • 17:13 | Kate Hudson è una mamma severa
Polonia e Ungheria hanno bloccato il bilancio Ue e il Recovery Fund - Credit: guillaumeperigois/UNSPLASH
economia e covid-19 17 novembre 2020

Polonia e Ungheria hanno bloccato il bilancio Ue e il Recovery Fund

di Luigi Gavazzi

I due governi non vogliono il vincolo del rispetto dello stato di diritto

La Polonia e l’Ungheria si mettono di traverso e bloccano ancora il Bilancio europeo e il Recovery Fund, essenziali per rilanciare l’economia della Ue, afflitta dalla recessione causata dal Covid-19.

Tendenze autoritarie

I sovranisti con accentuate tendenze autoritarie al governo nei due paesi – Viktor Orbán in Ungheria e Mateusz Morawiecki e il vero capo, Laroslaw Kaczynski in Polonia – hanno deciso di bloccare tutto perché non gradiscono la regola, decisa a maggioranza la scorsa settimana nella trattativa fra il Parlamento Ue e i governi, che vincola l’erogazione dei fondi dell’Unione al rispetto dello Stato di diritto in ciascun paese.

 

 

LEGGI ANCHE: Così il Covid-19 aiuta i regimi autoritari

Bilancio bloccato

E visto che la norma sulla rule of law poteva passare a maggioranza, i due si sono rifatti bloccando il Bilancio ue 2021-2027 da 1.074 miliardi e l’aumento del massimale delle risorse proprie dell’Unione necessario a garantire sui mercati gli Eurobond per raccogliere i 750 miliardi del Recovery Fund, che invece dovevano essere approvati all’unanimità, come spiega Alberto D’Argenio su Repubblica.

Ma senza questi due provvedimenti, il Recovery Fund resta fermo.

Equilibrismo lessicale

A questo punto appare difficile un accordo per il Fund prima del vertice europeo del 10 dicembre. La questione, dicono gli osservatori, potrebbe sbloccarsi con un equilibrismo lessicale che permetta ai due governi riottosi di vendere al loro elettorato una vittoria che vittoria non sarebbe, perché il vincolo dello Stato di diritto sarebbe comunque accettato ma con una formulazione diversa. Oppure, ma molto più improbabile, la Ue potrebbe decidere di lanciare comunque il Recovery senza Polonia e Ungheria; ma questo sarebbe come metterle con un piede fuori dall’Europa.

Quando arriveranno i soldi

Alla fine, si dice a Bruxelles, il Recovery Fund partirà, anche se i soldi potrebbero arrivare ai vari paesi con un po’ di ritardo rispetto al previsto (marzo 2021). D’Argenio sottolinea che tale ritardo non sarebbe un dramma, visto che “le risorse sono già inserite nei bilanci nazionali. Ma un pessimo segnale politico: il panico scatterebbe in assenza di accordo a dicembre, con Bilancio ue bloccato, Europa in esercizio provvisorio e Recovery al palo”.

I più visti

Leggi tutto su News