Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Ricette
    • Arredamento
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 13 agosto 2020 - Aggiornato alle 13:50
Live
  • 13:21 | La rivolta delle donne a Minsk
  • 12:48 | Torino, ci si muove per Linetty
  • 12:33 | Discoteche e ritorni dai viaggi: misure anti-contagio
  • 12:30 | Ed Sheeran diventa papà
  • 12:28 | Come creare una zona barbecue in giardino
  • 12:22 | Tartaday: in Italia è la giornata in difesa delle tartarughe
  • 10:35 | SAFE WEB PLUS per navigare sicuri in rete
  • 10:35 | I giornali di giovedì 13 agosto
  • 10:00 | Mozzarella alla caprese
  • 09:00 | Nathalie Guetta: chi è la sorella di David Guetta
  • 09:00 | Chi è Alessandra Celentano, carriera e vita privata
  • 09:00 | Libeskind: chi è l'architetto della torre a Milano
  • 09:00 | A 11 anni apre un ristorante vegano
  • 09:00 | 10 tecniche di seduzione
  • 09:00 | Nel 2019 record di rifiuti elettronici
  • 07:30 | NBA: vittorie per OKC e Clippers, Indiana piega Houston
  • 23:51 | Grazie Atalanta, hai fatto sognare l’Italia
  • 23:10 | Champions, Beffa Atalanta, in semifinale ci va il Psg
  • 21:18 | Pavimenti impermeabili in laminato, il nuovo trend
  • 21:11 | Perché la chiusura delle discoteche è "l'ultima spiaggia"
Cosa sta succedendo agli elefanti del Botswana? - Credit: Pixabay
AFRICA 3 luglio 2020

Cosa sta succedendo agli elefanti del Botswana?

di Michela Cannovale

356 esemplari trovati morti in tre mesi

Gli elefanti del Botswana stanno morendo.

A centinaia. Improvvisamente. Inspiegabilmente. Negli ultimi tre mesi ne sono stati trovati 356 privi di vita, perlopiù vicino a corsi d'acqua nella zona di Seronga, delta dell'Okavango.

 

Non era mai successo che ne morissero così tanti senza che si conoscesse la causa del decesso. Per questo, i resti di quelle 356 carcasse sono stati spediti nei laboratori di Zimbabwe e Canada per cercare di saperne di più.

 

Secondo Niall McCann, direttore della conservazione dell’Ong National Park Rescue, gli elefanti davano l’idea di essere morti “cadendo faccia a terra”, mentre alcuni testimoni locali hanno raccontato che, prima di morire, gli animali sembravano “incapaci di cambiare direzione” mentre “camminavano in cerchio prima di accasciarsi a terra”.

 

Potrebbe trattarsi di un problema neurologico, ma non è l’unica opzione. "Sono in contatto con i veterinari che operano sul Delta dell'Okavango – ha detto a Repubblica il conservazionista Davide Bomben, torinese ma spesso in Africa – e mi dicono che è davvero poco chiaro cosa stia succedendo. All'inizio pensavano all'antrace, ma ora sembra escluso. Al momento non si intravede una soluzione, ma spaventa la velocità con cui muoiono gli elefanti. Ad oggi credo si possano fare tre ipotesi: l'uso di cianuro (versato nel Delta del fiume, ndr), quello di un altro veleno utilizzato dai bracconieri, come accadde in Zimbabwe, oppure, e questa al momento è la più probabile, una malattia di cui non siamo a conoscenza".

 

Quel che è certo, per ora, è che il mistero riguarda solo gli elefanti del Botswana. Quelli della Namibia, per esempio, sono ancora vivi.

 

E questo potrebbe rappresentare un problema anche economico. "In Africa il turismo legato agli animali fornisce lavoro a 6 milioni di persone, tantissime famiglie dipendono da questo. È importante ottenere risposte chiare su queste morti, sia per agire nel tentativo di curare gli elefanti e sia - se fosse legato al bracconaggio - per smantellare eventuali reti criminali" ha spiegato Bomben.

Leggi tutto su News