TimGate
header.weather.state

Oggi 13 agosto 2022 - Aggiornato alle 01:00

 /    /    /  Che cosa sta succedendo tra Finlandia, Nato e Russia
Che cosa sta succedendo tra Finlandia, Nato e Russia

- Credit: POOL NICOLAS MAETERLINCK / Ipa-Agency.Net / Fotogramma

Le cose da sapere17 aprile 2022

Che cosa sta succedendo tra Finlandia, Nato e Russia

di Roberto Pianta

La storia, l'annuncio ufficiale della premier Marin, i confini 

La terrificante guerra in Ucraina spaventa tutta Europa e il mondo intero, ma ad aver paura sono soprattutto la Finlandia e la Svezia, che pur non facendo parte della Nato proprio in questi giorni hanno manifestato pubblicamente l'intenzione di entrarci al più presto. La premier finlandese Sanna Marin, con il presidente della Repubblica lo hanno annunciato ufficialmente in conferenza stampa. Ora la decisione va però confermata dal parlamento della Finlandia.

Proviamo a capire meglio cosa sta dietro questo annuncio.

Finlandia e Russia confinano per circa 1300 chilometri.

La Svezia invece non confina con la Russia, ma si trova comunque sul Baltico, area che per ovvi motivi geopolitici interessa la Russia.

Peraltro la Russia confina con la Norvegia, che fa parte della Nato sin dalla fondazione dell'alleanza. 

La frontiera tra Russia e Norvegia è all'estremo nord, in un lembo di terra piuttosto angusto e di pochi chilometri, ma comunque esiste. Diversamente da Finlandia e Svezia, la Norvegia, come si sa, non fa parte dalle Ue.

Altri paesi Nato che già confinano con la Russia sono Estonia e Lettonia, ex repubbliche sovietiche entrate definitivamente nell'alleanza atlantica nel 2004.

C'è poi l'exclave di Kaliningrad, l'antica Konigsberg dei prussiani, un pezzo di Russia separata geograficamente dal resto del territorio russo ma confinante con altri due paesi Nato: la Polonia (nella Nato dal 1999) e la Lituania (nella Nato dal 2004).



Breve storia dei rapporti tra Russia e Finlandia

La storia dei non buoni rapporti di vicinato tra Russia e Finlandia è lunga e complessa. Già al termine delle guerre napoleoniche la Finlandia venne annessa dall'impero russo zarista, che tuttavia le lasciò una buona autonomia e una sua costituzione. 

Nel fatale 1917 la Finlandia proclamò la sua indipendenza dalla Russia.

Nel 1939 l'Unione Sovietica invase la Finlandia, che per risposta fece la Seconda guerra mondiale con la Germania nazista e conquisto alcuni territori russi, che però dovette restituire quando fu firmata la pace. 

Durante la Guerra fredda, mentre l'Europa veniva divisa nei due blocchi di influenza (Usa e Urss), la Finlandia è rimasta neutrale e ha comunque mantenuto frequenti relazioni economiche con i sovietici.

Con la fine dell'Urss (1991), la Finlandia ha avviato le pratiche per aderire alla Ue (1995) e quindi adottare l'euro (2002). Fino all'annuncio di voler entrare nella Nato