Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie Clicca Qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

menu
Oggi 19 febbraio 2020 Aggiornato alle 16:30
Greta Thunberg Greta Thunberg, il 6 dicembre a Madrid - Credit: Fotogramma
AMBIENTE 7 dicembre 2019

Il discorso di Greta Thunberg al Cop25 di Madrid

di Redazione

"È da un anno che protestiamo e non è accaduto nulla"


“Credo e spero con tutto il cuore che la Cop25 raggiunga risultati concreti e che questo produca maggiore consapevolezza nella popolazione generale sulla crisi climatica, perché ora non si rendono conto delle sue dimensioni: faremo tutto il possibile affinché questa iniziativa non venga ignorata” ha detto Greta Thunberg in una conferenza stampa convocata a sorpresa alla Casa Encendida di Madrid, a margine della Cop25, la conferenza Onu sul clima.

 

"È da un anno che protestiamo e non è accaduto nulla.

Non è una soluzione sostenibile che i bambini non vadano a scuola, non possiamo andare avanti così – ha attaccato la giovane attivista, sbarcata pochi giorni fa nella penisola iberica dopo la traversata atlantica -. Vorremmo che succedano delle cose. È necessario che la gente che è al potere faccia qualcosa"

 

"Non possiamo aspettare un minuto di più. Credo che abbiamo raggiunto molti obiettivi: abbiamo creato una consapevolezza e un dibattito: è un grande passo avanti. Però evidentemente non è assolutamente sufficiente. Le emissioni di CO2 non si stanno riducendo, nel 2019 aumenteranno".

 

Nella mattina di venerdì Greta è comparsa a sorpresa nel quartiere di Ifema, dove si svolge il vertice. In una "decisione spontanea", secondo il suo team di stampa, l'attivista sedicenne ha deciso di avvicinarsi al quartier generale delle Nazioni Unite, dove non era prevista la sua presenza fino a lunedì prossimo. È arrivata alla stazione di Chamartín un paio d'ore prima, dopo un lungo viaggio di oltre 10 ore e 17 fermate da Lisbona su un vecchio treno degli anni Ottanta. A Ifema, l'attivista svedese prima di prendere la parola ha partecipato a una protesta di ragazzi e ragazze della sua età, che hanno cantato canzoni e slogan prima seduti sul pavimento e poi in piedi mano nella mano.

 

 

"È molto importante includere la giustizia ambientale quando parliamo di giustizia sociale. È un elemento chiave. È la base di un altro tipo di giustizia", ha detto ancora Thunberg prima di rivolgersi in questi termini ad uno dei giornalisti presenti. "Una figura come me non è molto, sono una semplice attivista del clima, sono una piccola parte di un grande movimento. Abbiamo bisogno di più attivisti del clima. Non devi ascoltarmi prima di chiunque altro, quindi non fare domande solo a me, falle anche ai miei compagni".

 

Fonte: Aska

Scarica QUI l’app TIMMUSIC per ascoltare per intero tutti i brani in esclusiva!

Leggi tutto su News