TimGate
header.weather.state

Oggi 10 agosto 2022 - Aggiornato alle 16:16

 /    /    /  Cosa sono i lanciarazzi Himars e perché cambiano la guerra degli ucraini
Cosa sono i lanciarazzi Himars e perché cambiano la guerra degli ucraini

Un'immagine diffusa dalle Forza armate ucraine con un lancio di missili dagli Himars- Credit: Armed Forces of Ukraine/Ipa/Forogramma

difesa più efficace06 luglio 2022

Cosa sono i lanciarazzi Himars e perché cambiano la guerra degli ucraini

di Carlo Savelli

Colpiscono le postazioni e i rifornimenti che i russi giudicavano lontani e sicuri

Nella notte del 3 luglio, gli ucraini hanno bombardato diversi bersagli intorno alla base russa nella città di Melitopol nel sud dell'Ucraina, in una zona che i russi giudicavano 'sicura', perché lontana dalla linea del fronte.

Il bombardamento, spiega Daniele Rainieri su Repubblica del 6 luglio, è stato fatto con gli Himars, lanciarazzi di ultima generazione americani che l’amministrazione Biden ha inviato da poco in Ucraina dopo una lunga esitazione..

Leggi anche:
-Ucraina, il Donbass e il prezzo che si è disposti a pagare per la pace
-Lugansk, la vittoria che i russi hanno pagato carissimo
-Speciale, la guerra russa in Ucraina

Gli Himars - Acronimo per High Mobility Artillery Rocket System, gli Himars sono lanciarazzi a lunghissimo raggio che vengono installati a bordo di camion. Possono colpire fino a 70 km di distanza (ma secondo alcune stime anche un po' più lontano) con un margine di nove metri dal bersaglio. Quindi sono sostanzialmente infallibili.

La lunga gittata permette agli ucraini di colpire depositi di munizioni e rifornimenti che i russi avevano sempre considerato protetti, nelle retrovie.

Gli ucraini per ora, hanno  a disposizione solo quattro Himars, ma grazie alla capacità di colpire bersagli molto lontani e la facilità di spostamento, riescono a centrare obiettivi molto lontani l’uno dall’altro nella stessa giornata, confondendo i nemici che probabilmente ne sopravvalutano anche il numero.

Entro la fine di luglio, secondo Rainieri, gli Himars nelle mani degli Ucraini potrebbero diventare venti: sono attese infatti forniture anche dalla Germania, dal Regno Unito e dalla Norvegia.

Nelle fila dell'esercito di Kiev sono già stati definiti: 'l'arma della liberazione'.