TimGate
header.weather.state

Oggi 04 ottobre 2022 - Aggiornato alle 02:00

 /    /    /  Guerra nel Dombass, la scelta difficile degli ucraini a Severodonetsk
La scelta difficile degli ucraini a Severodonetsk

Un carrista russo con il suo tank nei pressi di Severodonetsk, Ucraina, giugno 2022- Credit: Gavriil Grigorov/TASS/Sipa USA

l'aggressione russa09 giugno 2022

La scelta difficile degli ucraini a Severodonetsk

di Carlo Savelli

Continuare la difesa della città col rischio di perdere troppi uomini o lasciare ai russi tutto il controllo del Lugansk

Le forze ucraine incontrano sempre più difficoltà nel resistere agli attacchi russi nel centro di Severodonetsk ma, secondo quanto riportato dal Guardian, gli ufficiali locali hanno detto che i russi (ancora) non controllano (almeno per ora) la zona est della città.

Il ministro della difesa russo Sergei Shoigu ha affermato che le forze russe stanno assediando la zona est di Severodonetsk e stanno combattendo per prendere il controllo dell’area industriale nella periferia.

Leggi anche:
-Guerra in Ucraina: perché è importante la battaglia di Severodonetsk
-Ucraina, i miliziani ceceni all'assalto di Severodonetsk
-Ucraina, la Russia accerchia Severodonetsk da Nord e da Sud
-Il giornalista francese ucciso a Severodonetsk
-Ucraina, perché i russi possono davvero vincere nel Donbass
-La controffensiva ucraina su Kherson

Il governatore ucraino della regione di Luhansk, Serhiy Haidai, ha ammesso che i russi controllano le periferie della città, con le immagini satellitari che mostrano una notevole distruzione sia a Severodonetsk che nella vicina Rubizhne.
 

Il dilemma degli ucraini a Severodonetsk
Secondo l’analisi del New York Times, ai leader ucraini spetta una complicata decisione: ritirarsi da Severodonetsk per risparmiare uomini e mezzi, oppure continuare a combattere, col rischio però di rimanervi intrappolati.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha dichiarato che le due opzioni portano con sé uguali rischi.
Severodonetsk è l’ultima grande città della regione di Lugansk non ancora caduta in mano russa; per questo alcuni ufficiali ucraini affermano che vale la pena continuare a combattere e causare ulteriori perdite all’esercito esercito russo, piuttosto che lasciare al nemico il controllo della città, che significherebbe per Putin il controllo dell’intera regione: un passo avanti importante nel dominio dell’intero Donbass.