TimGate
header.weather.state

Oggi 12 agosto 2022 - Aggiornato alle 15:08

 /    /    /  Usa, Louisiana e Utah contro il divieto all'aborto
Usa, Louisiana e Utah contro il divieto all'aborto

Protesta a favore dell'aborto- Credit: Europa Press / ABACA / Ipa-Agency.net / Fotogramma

STATI UNITI28 giugno 2022

Usa, Louisiana e Utah contro il divieto all'aborto

di Michela Cannovale

Due tribunali distrettuali hanno temporaneamente bloccato la decisione della Corte Suprema

Dagli Stati Uniti arriva la notizia di due importanti vittorie degli attivisti pro-aborto dopo che, lo scorso 24 giugno, la Corte Suprema ha votato a favore della cancellazione della sentenza Roe vs Wade che rendeva l'interruzione di gravidanza un diritto federale nell'intero Paese.

 

La sospensione del divieto in Louisiana

La prima vittoria si registra in Louisiana, dove un tribunale distrettuale ha bloccato in tutto lo stato il divieto di aborto, che rimane dunque libero seppur solo per il momento (una nuova udienza in merito è fissata per il prossimo 8 luglio).

 

La decisione è arrivata grazie alla denuncia presentata dal Center for Reproductive Rigths, l'associazione che ha difeso l'unica clinica abortista in Mississippi nel caso 'Dobbs vs Jackson Women's Health Organization', il medesimo su cui ha sentenziato la Corte Suprema abolendo la Roe VS Wade.

 

Secondo i legali che hanno sporto denuncia, le tre leggi che hanno attuato il divieto di aborto sono infatti incostituzionali. Come si legge nella causa, le misure sono 'incostituzionalmente vaghe e rendono impossibile capire se siano entrate in vigore; quale delle tre sia entrata in vigore; quali sono i comportamenti che sono vietati e quali le eccezioni, soprattutto nel caso di medici che praticano un aborto per salvare la vita di una donna'.

 

La sospensione del divieto in Utah

La seconda vittoria è invece quella registrata in Utah, dove un altro tribunale ha sospeso per i prossimi 14 giorni il blocco alle interruzioni di gravidanza.

 

Intanto si rivolta anche la California, che ha fatto sapere che a novembre voterà per inserire nella sua Costituzione il diritto di accesso all'aborto in risposta alla decisione della Corte Suprema.

 

- LEGGI ANCHE: Aborto: come siamo messi in Italia