TimGate
header.weather.state

Oggi 02 ottobre 2022 - Aggiornato alle 18:00

 /    /    /  Addio a Irina Ionesco: la fotografa che scandalizzò il mondo
Addio a Irina Ionesco: la fotografa che scandalizzò il mondo

arte e cultura30 luglio 2022

Addio a Irina Ionesco: la fotografa che scandalizzò il mondo

di Raffaella Ferrari

Aveva 91 anni. Un percorso unico: dalla pittura al mondo surrealista fino alle immagini di moda

La fotografa francese si è spenta a 91 anni a Parigi. Un'artista con un percorso unico, dalla pittura al mondo surrealista fino alla fotografia di moda.

Nata a Parigi da un padre violinista e da una madre trapezista, Irina all'età di quattro anni è stata affidata ai nonni e agli zii che l'hanno allevata nell'ambiente del circo, in Romania. Irina divenne contorsionista e cominciò a esibirsi nei cabaret in Europa e Medio Oriente, anche come danzatrice con i serpenti, attività che dovette abbandonare in seguito ad un incidente durante un numero di ballo a Damasco. Tornò a Parigi nel 1946 per sfuggire all'occupazione sovietica del paese.

 

Legata sentimentalmente all'artista del gruppo Cobra Guillaume Corneille, Irina iniziò a dedicarsi alla fotografia nel 1964 quando ricevette in regalo dal suo amante una macchina fotografica Nikon. Negli anni Settanta iniziò la sua collaborazione con la rivista Mode International, per arrivare a pubblicare su noti magazine internazionali come Photo, Playboy e Vogue. Nel 1977 è stata eletta fotografa dell'anno per Photography Year BooK.

 

La sua ricerca artistica rimane marchiata a fuoco da una causa impugnata dalla figlia Eva per le fotografie di nudo scattate in età infantile, tra i quattro e gli undici anni. La lunga vicenda si è risolta nel 2012 con un risarcimento di 10.000 euro ai danni della fotografa per la violazione dei diritti di immagine e di privacy. Nel 2011, Eva Ionesco ha diretto My Little Princess, un film autobiografico in cui il personaggio della madre Irina è stato interpretato da Isabelle Huppert. L'annuncio della scomparsa è stato dato proprio dalla figlia Eva al quotidiano francese Libération in cui ricorda la madre come una grande fotografa.