Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Per Conoscere
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 08 marzo 2021 - Aggiornato alle 07:22
Live
  • 07:22 | Microsoft, le novità in arrivo per le versioni Web di Excel e OneDrive
  • 00:12 | Basket, Serie A: risultati, tabellini e classifica dopo la 21ª giornata
  • 00:01 | Basket, Serie A: Trieste ribalta Cantù e vince in volata 82-79
  • 23:57 | Scuola: 9 studenti su 10 potrebbero finire in Dad
  • 23:50 | Operazione Risorgimento Digitale TIM: I rischi della rete oggi
  • 23:50 | Un Pil verde per salvare l’ambiente
  • 23:43 | "Entro l'estate si vaccineranno tutti gli italiani che lo vorranno"
  • 22:28 | MotoGP 2021: Quartararo chiude al comando i primi test in Qatar
  • 20:17 | Il vaccino Astrazeneca per gli over 65
  • 18:30 | Covid, in Italia altri 207 morti
  • 18:19 | Covid, tracce di virus negli occhi dei malati
  • 18:16 | La bella vittoria del Milan a Verona (0-2)
  • 18:01 | La variante del virus scoperta a Varese
  • 16:45 | Perché i Maneskin hanno vinto Sanremo 2021
  • 16:38 | Ben Affleck, vita privata e film
  • 16:32 | Steve La Chance oggi, che fine ha fatto il prof di Amici?
  • 16:06 | Come evitare lo spreco alimentare
  • 16:00 | L'impatto dell'inquinamento sulla popolazione mondiale
  • 14:50 | Edie Falco sarà Hillary Clinton in “American Crime Story”
  • 14:33 | Lorenzo Pellegrini nel mirino del PSG
La pandemia ha reso i ricchi ancora più ricchi - Credit: Pixabay
COVID-19 27 gennaio 2021

La pandemia ha reso i ricchi ancora più ricchi

di Michela Cannovale

Ne parla l'Oxfam all'interno del rapporto "Il virus della disuguaglianza"

Secondo quanto ha scritto l’organizzazione Oxfam all’interno del rapporto “Il virus della disuguaglianza”, pubblicato in occasione del World Economic Forum di Davos, i dieci uomini più ricchi del mondo hanno visto la loro ricchezza crescere ulteriormente di 540 miliardi di dollari dall’inizio della pandemia.

 

"Una somma – sottolinea l’Oxfam – che sarebbe più che sufficiente a pagare il vaccino per tutti gli abitanti del pianeta e ad assicurare che nessuno cada in povertà a causa del virus".

 

Tra i dieci fortunati compare, per esempio, il nome di Jeff Bezos, imprenditore, fondatore e amministratore delegato di Amazon.

Il suo patrimonio è aumentato 78,2 miliardi di dollari da marzo 2020, proprio mentre il coronavirus “innescava la più grave crisi occupazionale degli ultimi 90 anni, lasciando centinaia di milioni di persone disoccupate o sottoccupate”.

 

- LEGGI ANCHE: Pandemia e ripresa: al via il primo World Economic Forum in versione virtuale

 

La disuguaglianza economica "ovunque e contemporaneamente"

Colpisce il fatto che, per la prima volta in un secolo, la pandemia abbia causato un aumento della disuguaglianza economica in quasi tutti i paesi contemporaneamente. Un effetto che con tutta probabilità non finirà con la fine dei contagi, ma che, secondo quanto prevede la Banca Mondiale, potrebbe protrarsi fino al 2030, quando oltre mezzo miliardi di persone in più vivrà in povertà e con un reddito inferiore ai 5,50 dollari al giorno se i governi non dovessero riuscire a far fronte alla crisi messa in atto dal virus.

 

A questo proposito, l’Oxfam fa presente che "la ripresa per chi era in difficoltà già prima del Covid sarà dura e lunga. Prima che il virus colpisse, la metà dei lavoratori nei Paesi più vulnerabili versava in condizione di povertà e i tre quarti della forza lavoro non godeva di alcuna forma di protezione sociale, come l'indennità di malattia e i sussidi di disoccupazione".

 

È bastato poco per rendersi conto che, da quando poi il virus ha colpito, si sono acuite "le disuguaglianze economiche e sociali, razziali e di genere preesistenti". Questo sarebbe successo, secondo l’Oxfam, "grazie a un sistema economico iniquo", attraverso cui "un'élite di miliardari ha continuato a accumulare ricchezza nel corso della più grave crisi dai tempi della Grande Depressione, mentre miliardi di persone sono state spinte sull'orlo della povertà".

 

- LEGGI ANCHE: Davos, Greta: tre decenni di 'bla, bla, bla'. Ora basta

- E ANCHE: Xi Jinping: puntare su multilateralismo per sconfiggere pandemia

 

Le più colpite sono le donne

Non colpisce, al contrario, il fatto che le più colpite da questo sistema iniquo siano le donne, che, dati Oxfam alla mano, rappresentano ovunque oltre il 70% della forza lavoro impiegata in professioni sanitarie, sociali e di cura – proprio quelle più a rischio in tempo di pandemia.

 

Per farci un’idea – e questa volta è AGI a ricordarlo – in Italia oggi un’infermiera dovrebbe lavorare 127 anni per arrivare a guadagnare quanto guadagna in un solo anno l’amministratore delegato di una grande azienda.

 

"A livello globale – scrive l’Oxfam nel suo rapporto – le donne sono maggiormente impiegate proprio nei settori professionali più duramente colpiti dalla pandemia. Se il livello di occupazione tra uomini e donne fosse uguale in questi settori, 112 milioni di donne non correrebbero più il rischio di perdere il proprio lavoro e quindi il proprio reddito. Ciò è evidente in Medioriente e Africa del Nord, dove le donne rappresentano solo il 20% della forza lavoro ma le perdite di posti di lavoro dovute al Covid-19, secondo le stime, incideranno sull'occupazione femminile per il 40%".

 

- LEGGI ANCHE: I fondi del Next Gen Eu dovrebbero ridurre la diseguaglianza

- E ANCHE: Coronavirus, le ultime news in Italia e nel mondo

 

La disuguaglianza anche nei decessi

Il virus della disuguaglianza ha colpito anche nella morte. Si legge ancora nel documento: "I brasiliani di ascendenza africana hanno il 40% di probabilità in più di morire di Covid-19 rispetto alla popolazione bianca; negli Stati Uniti, 22.000 cittadini afroamericani e latino-americani sarebbero ancora vivi se il loro tasso di mortalità fosse stato uguale a quello dei bianchi".

 

Gabriela Bucher, direttrice di Oxfam International, sostiene che "potremmo assistere ad un aumento esponenziale delle disuguaglianze, come mai prima d'ora. Una distanza tanto profonda tra ricchi e poveri da rivelarsi più letale del virus stesso. Mentre un'élite di pochi miliardari ha tratto enormi profitti dalla pandemia, le piccole e medie attività stentano a resistere, e sempre più persone perdono il lavoro, finendo in povertà. Tra tutti sono le donne e le minoranze etniche a subire il peso maggiore della crisi. In molti paesi sono i primi a rischiare di soffrire la fame e ritrovarsi tagliati fuori dall'assistenza sanitaria".

 

- LEGGI ANCHE: Così le scuole chiuse aumentano le disuguaglianze

I più visti

Leggi tutto su News