TimGate
header.weather.state

Oggi 07 ottobre 2022 - Aggiornato alle 20:00

 /    /    /  Perché la residenza di Trump è stata perquisita dall'Fbi
Perché la residenza di Trump è stata perquisita dall'Fbi

Donald Trump- Credit: Tom Williams / Ipa-Agency.net / Fotogramma

FLORIDA09 agosto 2022

Perché la residenza di Trump è stata perquisita dall'Fbi

di Michela Cannovale

Gli agenti si sono presentati a sorpresa e hanno portato via scatole di documenti

'La mia bella casa è attualmente sotto assedio, perquisita e occupata da un folto gruppo di agenti dell'Fbi'. Ad annunciarlo in un comunicato stampa è stato Donald Trump, la cui residenza a Mar-a-Lago, a Palm Beach in Florida (diventata la sua abitazione da quando l'ex presidente ha lasciato la Casa Bianca nel gennaio 2021), è stata oggetto di una perquisizione a sorpresaparte degli agenti dell'Fbi nella mattina di lunedì 8 agosto.

 

Al momento della perquisizione, il Tycoon non era presente.

 

'I federali - continua la sua nota - hanno anche fatto irruzione nella mia cassaforte. Niente del genere era mai successo prima a un presidente degli Stati Uniti. Dopo aver collaborato con le agenzie governative, questo raid non annunciato a casa non era necessario né appropriato'. Trump ha poi definito la perquisizione da parte dell'Fbi una 'strumentalizzazione della giustizia e un attacco dei democratici di sinistra radicali che disperatamente non vogliono che mi candidi alle elezioni del 2024'.

 

'La persecuzione politica - prosegue il Tycoon nel suo comunicato - va avanti da anni, dalla storia risultata falsa dell'intervento della Russia, alla bufala dell'impeachment 1 e alla bufala dell'impeachment 2, e molto altro ancora'. 

 

Come scrive la Cnn, comunque, è possibile che i federali fossero alla ricerca di documenti classificati che l'ex presidente avrebbe portato via dalla Casa Bianca alla fine del suo mandato (non a caso, infatti, hanno portato via diverse scatole piene di materiale cartaceo). Ipotesi, questa, confermata anche dall'ex portavoce della presidenza Stephanie Grisham, secondo cui - nota ancora la Cnn - Trump 'non gestiva correttamente i documenti riservati. L'ho visto passare in rassegna i documenti, buttarne via alcuni, strapparne altri e metterne in tasca altri ancora'.