TimGate
header.weather.state

Oggi 04 luglio 2022 - Aggiornato alle 05:00

 /    /    /  Le proteste in Polonia dopo la legge sull'aborto
Le proteste in Polonia dopo la legge sull'aborto

Gdansk, Polonia, proteste dopo la nuova legge sull'aborto- Credit: Vadim Pacajev / IPA / Fotogramma

QUESTIONI DI GENERE28 ottobre 2020

Le proteste in Polonia dopo la legge sull'aborto

di Michela Cannovale

Le donne smetteranno di lavorare finché il governo non farà marcia indietro

Le donne polacche hanno iniziato uno sciopero “a lungo termine” nel Paese dopo che una sentenza della Corte Costituzionale, lo scorso 22 ottobre, ha introdotto un divieto quasi totale all’aborto: l’interruzione della gravidanza sarà consentita ora solo in caso di stupro, incesto o se è dimostrato il rischio di sopravvivenza per la madre, ma non in caso di gravi malformazioni del feto.

 

Eppure, dati del ministero della Salute alla mano, 1.110 aborti legali sono stati effettuati in Polonia nel 2019 principalmente a causa di difetti congeniti del feto (per non parlare di quelli che avvengono illegalmente o all’estero che, secondo i gruppi di difesa dei diritti umani, si aggirano tra gli 80mila e i 120mila).

 

La protesta in sei giorni è arrivata ad interessare 150 città polacche dove gruppi di madre con il passeggino (ma anche tanti uomini) sfidano le restrizioni anti-Covid per rivendicare il diritto negato di poter decidere autonomamente del proprio corpo.

 

Proteste anche da parte dei partiti di opposizione, che il 27 ottobre si sono presentati in Parlamento con cartelli con scritto “Questa è guerra” o “Vergogna”. Ma il vice premier e vero padre padrone della Polonia Jarosław Kaczyński, a capo del partito conservatore al potere 'Diritto e giustizia', ha dichiarato che “la decisione non può essere invertita”. Anzi, ha detto che le proteste altro non sono che “un tentativo di distruggere la Polonia” e ha esortato i cittadini a “difendere la Nazione e la Chiesa cattolica”.

 

Le regole dello sciopero “a lungo termine” decise da chi si oppone alla nuova sentenza prevedono che le donne stiano lontane da lavoro, scuola e faccende domestiche finché il governo non farà marcia indietro (la protesta si inspira a uno sciopero delle donne in Islanda nel 1975).

 

- LEGGI ANCHE: Usa, aborto: che cos’è la sentenza “Roe contro Wade”

- E ANCHE: In che senso Trump è stato curato con il tessuto fetale di un aborto?

 

I media locali dicono che il governo polacco sembra essere stato colto di sorpresa dall'entità delle proteste, che hanno anche contribuito a suscitare critiche insolitamente forti nei confronti della Chies. Proprio a questo proposito, un altro motivo di preoccupazione per Kaczyński arriva da Google: in questi giorni in Polonia la parola più cercata è “Apostazja”, apostasia, cioè l’abbandono formale e volontario della propria religione. Un colpo per una nazione così profondamente cattolica.