Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Per Conoscere
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 04 marzo 2021 - Aggiornato alle 20:00
Live
  • 19:07 | Sempre più famiglie si trovano in povertà assoluta
  • 18:09 | Il principe Filippo è stato operato al cuore
  • 18:06 | MotoGP: Aprilia Gresini Racing, presentata la nuova moto per il 2021
  • 17:30 | Covid, in Italia altri 339 morti
  • 16:00 | Sanremo 2021: la scaletta, gli ospiti e le cover della terza serata
  • 15:51 | Google e la nuova gestione dei profili del browser Chrome
  • 15:47 | Le scarpe preferite di Meghan Markle
  • 15:34 | Daniil Medvedev, sconfitta inattesa (e racchetta distrutta)
  • 15:33 | Sanremo 2021: i look della seconda serata
  • 15:19 | Sanremo 2021: i look beauty della seconda serata
  • 15:03 | La Juve cerca un regista: Locatelli o Jorginho?
  • 15:02 | Achille Lauro svela il significato dei suoi 5 "quadri" musicali
  • 15:02 | Rinviata la prima edizione di Arte in Nuvola a Roma
  • 14:30 | Differenza tra gasolio e benzina
  • 14:25 | La Germania rimarrà in lockdown fino al 28 marzo
  • 14:21 | Terrarium chiuso, come farlo e come curarlo
  • 14:05 | Emilio Estévez: chi è, vita privata e carriera
  • 13:54 | Chi è Lauren Graham: vita privata, curiosità e carriera
  • 13:15 | Le frasi più belle da dedicare alle sorelle
  • 13:05 | Tre strategie per diventare più creativi
Proteste in Tunisia, 19 gennaio 2021 Proteste in Tunisia, 19 gennaio 2021 - Credit: Khaled Nasraoui / IPA / Fotogramma
NORDAFRICA 20 gennaio 2021

Perché si protesta in Tunisia

di Michela Cannovale

Pandemia, crisi economica e politica, e un pastore maltrattato da un poliziotto a Siliana

Le proteste in Tunisia sono iniziate la notte del 15 gennaio.

I cortei, ancora in corso cinque giorni dopo, continuano ad avvenire solo nelle ore notturne, partecipati soprattutto da giovani ed adolescenti.

 

Il motivo scatenante sono le misure restrittive per contenere la diffusione del coronavirus nel Paese, ma in realtà la pandemia ha solo contribuito ad esacerbare un malcontento più diffuso, radicato da tempo, nei confronti di un governo ritenuto responsabile della grave crisi economica e politica che ha messo in ginocchio il Paese.

 

Le misure anti-Covid sono entrate in vigore a cavallo del decimo anniversario dalle rivolte della primavera araba (nel 2011 fu rovesciato il regime di Zine El Abidine Ben Ali), impedendo di celebrarlo. In molti ritengono che dal 2011, malgrado le promesse da parte del governo di una gestione migliore dell’economia, sia cambiato poco. Anzi, le cose sono forse andate peggiorando: nel 2020 il PIL del Paese è crollato di nove punti percentuali, il costo della vita è aumentato, la disoccupazione è cresciuta costringendo molti giovani tunisini a cercare la fortuna altrove (dati del Ministero dell’Interno italiano alla mano, in Italia ne sono arrivati 7.890 nei primi nove mesi del 2020).

 

Secondo quanto riporta Al Jazeera, un altro motivo alla base delle proteste è un video girato nella città tunisina di Siliana in cui si vede un poliziotto spingere e maltrattare un pastore colpevole di aver fatto avvicinare troppo una delle sue pecore al palazzo del governo locale.

 

Alle barricate costruite dai manifestanti, alle auto e pneumatici bruciati per strada, il governo ha risposto finora schierando il proprio esercito, al quale è stato ordinato di aprire a gran forza cannoni d’acqua e gas lacrimogeni. Il bilancio degli arresti in cinque giorni, invece, è arrivato già a 632.

 

- LEGGI ANCHE: Coronavirus, le ultime news in Italia e nel mondo

I più visti

Leggi tutto su News