TimGate
header.weather.state

Oggi 10 agosto 2022 - Aggiornato alle 15:30

 /    /    /  ragazza afghana mccurry arrivo italia
La "ragazza afghana"  in salvo a Roma

Il fotografo Steve McCurry con alle spalle il suo celebre scatto- Credit: Ruslan Shamukov / IPA / Fotogramma

rifugiati26 novembre 2021

La "ragazza afghana" in salvo a Roma

di Gianluca Cedolin

Venne resa celebre dalla foto di Steve McCurry. In Italia grazie a un corridoio umanitario

Il suo volto con gli inconfondibili occhi verdi era diventato il simbolo “della guerra e della paura”: nel 1985 aveva 12 anni Sharbat Gula, ancora oggi conosciuta come the Afghan girl, quando il fotografo Steve McCurry l’aveva immortalata nel celebre scatto, finito sulla copertina di National Geographic. In quel periodo si trovata nel campo profughi vicino a Peshawar, tra le migliaia di afghani fuggiti in Pakistan dopo l’invasione sovietica. Oggi, oltre trent’anni dopo, Sharbat Gula è dovuta fuggire di nuovo dall’Afghanistan, questa volta occupato dai talebani.

 

Grazie anche all’intercessione dello stesso Steve McCurry, la ragazza afghana, oggi donna quasi cinquantenne, è tra i 1.200 profughi portati in salvo dall’Italia attraverso un corridoio umanitario. Cinque anni fa era tornata in Afghanistan, dopo essere stata accusata di aver falsificato i documenti per vivere in Pakistan. Ieri, 25 novembre, è arrivata a Roma.