Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 15 gennaio 2021 - Aggiornato alle 17:24
Live
  • 17:24 | L’Italia inizierà a Parma la rincorsa al Mondiale 2022
  • 17:10 | L'arte e lo spettacolo ripartono anche grazie a "Rainbow Free Day"
  • 16:59 | “Friends”, Chris Rock sarebbe dovuto essere uno dei sei
  • 16:57 | LG e Gen.G insieme per sviluppare il mercato degli Esport
  • 16:43 | Morata: ' Con Cristiano Ronaldo ci capiamo al volo'
  • 15:45 | Jordan e la foto con la nuova fidanzata
  • 15:31 | Il Torino in attacco ora vuole Sam Lammers dell’Atalanta
  • 15:30 | Amici, Emma e Alessandra Amoroso ospiti di Maria De Filippi
  • 15:09 | Come funziona Tik Tok, cos'è e pericoli
  • 14:45 | Pidocchi piante: cosa sono e come eliminarli
  • 14:31 | Federico Fashion Style: chi è la moglie
  • 14:23 | Chi è Sabina Ciuffini, età e carriera
  • 14:15 | Harry e Meghan e il regalo per Kate Middleton
  • 14:03 | Nuovi ammortizzatori per affrontare la crisi del lavoro
  • 12:45 | Drip Cake: la regina delle torte di compleanno
  • 12:25 | Covid, per la Fondazione Gimbe serve subito il lockdown
  • 12:18 | Heather Mills sposerà il produttore Mike Dickman
  • 12:01 | Anche Shakira ha venduto i diritti di tutte le sue canzoni
  • 11:46 | Mobili da bagno sospesi
  • 11:38 | La playlist con le nuove uscite della settimana su TIMMUSIC
Presto il processo per la morte di Giulio Regeni - Credit: Luigi Mistrulli / Fotogramma
GIUSTIZIA 1 dicembre 2020

Presto il processo per la morte di Giulio Regeni

di Gianluca Cedolin

Rinviati a giudizio – che sarà in contumacia – cinque agenti dei servizi segreti egiziani

La procura di Roma si prepara a processare i cinque agenti dei servizi segreti egiziani accusati di aver sequestrato Giulio Regeni, il ricercatore italiano ucciso al Cairo nel febbraio del 2016.

Lo farà, però, senza la piena collaborazione dell’Egitto: il procuratore generale del Cairo Hamada Al Sawi ha detto di non voler rispondere alla rogatoria con la quale un anno fa l’Italia chiedeva di riscontrare delle dichiarazioni di alcuni testimoni (perché incastrerebbero gli apparati di governo di Al Sisi, scrive La Repubblica). L’Egitto non darà nemmeno il domicilio dei cinque agenti rinviati a giudizio, e l’Italia non potrà quindi notificare loro gli atti.

 

Dal Cairo parlano di “riserve sulla solidità del quadro probatorio”, anche se dichiarano che accetteranno le decisione assunte dalla procura di Roma, cosa che l’Italia non si è invece impegnata a fare nel contro-processo organizzato in Egitto. Qui infatti processeranno dei sospetti ladri degli effetti personali di Regeni, poi uccisi dalla polizia egiziana: una storia già definita dagli inquirenti italiani assolutamente non attendibile.

 

“È evidente che le strade tra le due procure non sono mai state così divise. Se da un lato apprezziamo la risoluta determinazione dei nostra procuratori che hanno saputo concludere le indagini, senza farsi fiaccare né confondere dai numerosi tentativi di depistaggio egiziane, d’altra parte non possiamo che stigmatizzare una volta di più la costante e plateale assenza di collaborazione da parte del regime”, hanno detto i genitori di Giulio, Paola e Claudio.

I più visti

Leggi tutto su News