Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Per Conoscere
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 04 marzo 2021 - Aggiornato alle 07:30
Live
  • 08:01 | Eurolega: l’Olimpia Milano cade in casa 92-100 contro il Fenerbahçe
  • 06:35 | Perché Amazon ha cambiato l’icona della sua app eliminando i “baffi”
  • 06:00 | Rassegna stampa: mezza Italia rischia la zona rossa
  • 06:00 | Farro con lenticchie e zucca
  • 00:46 | "Nel mondo sono stati persi 112 miliardi di giorni di scuola"
  • 00:26 | Covid, per Lopalco siamo già nella terza ondata
  • 23:55 | Sanremo 2021, le pagelle della seconda serata del Festival
  • 23:26 | Microsoft Teams trasformerà gli utenti in reporter durante le riunioni
  • 23:20 | BCL: buona la prima per Holon, l'Hapoel sbanca Brindisi 85-87
  • 22:08 | EuroCup, Top 16: Trento schianta il Partizan 69-54 e continua a sperare
  • 21:14 | La fiera Art Dubai ha confermato l’edizione 2021
  • 20:50 | Fedez: la sua camicia svela l’iniziale della figlia
  • 19:11 | Angelina Jolie e l’incasso record per un quadro di Churchill
  • 19:00 | Economia, ridurre le diseguaglianze per ripartire
  • 17:30 | Covid, in Italia altri 347 morti
  • 16:47 | Il riscatto di McKennie da parte della Juve
  • 16:30 | Sanremo 2021: i look della prima serata
  • 16:15 | La Cina sempre prima al mondo per le richieste di brevetto
  • 15:45 | Sanremo 2021: gli ascolti, Elodie conduttrice e il "caso Irama"
  • 15:39 | Arancini di riso al forno
La sanità del Portogallo è in ginocchio a causa del Covid - Credit: Matteo Nardone / IPA / Fotogramma
CORONAVIRUS 19 gennaio 2021

La sanità del Portogallo è in ginocchio a causa del Covid

di Michela Cannovale

I letti riservati ai pazienti Covid negli ospedali di tutto il Paese sono terminati

Il sistema sanitario del Portogallo non si è mai trovato così tanto in crisi dall’inizio della pandemia di coronavirus.

Se si sperava che la fine del 2020 spazzasse via con sé anche le difficoltà maggiori dell’emergenza sanitaria, con l’arrivo del 2021 si è scoperto che il peggio doveva ancora arrivare.

 

I letti riservati ai pazienti Covid negli ospedali di tutto il Paese sono terminati: lunedì 18 gennaio i ricoverati erano oltre 4.200, su un totale di 3.801 posti teoreticamente a disposizione.

 

Sempre il 18 gennaio si contavano solamente 8 letti liberi in terapia intensiva sui 672 disponibili (il Portogallo, ricorda anche Il Post, è la nazione con il minor numero di terapie intensive in rapporto agli abitanti in tutta l’Unione europea).

 

I contagi, intanto, non accennano a diminuire: il computo del 16 gennaio ne segnalava 11mila in più in 24 ore su 10,3 milioni di abitanti, un nuovo record dall’inizio dell’epidemia. Il 18 gennaio invece è stato il giorno con più vittime in assoluto legate al coronavirus: 167.

 

I medici: “É a loucura total”

Il sistema sanitario cerca di reagire come può, creando nuovi reparti Covid all’interno dei nosocomi o costruendo da zero nuove strutture che accolgano i pazienti.

 

Ma i medici sono “esausti, a pezzi fisicamente e psicologicamente”, riporta Publico. “É a loucura total” – una follia totale – afferma chi di loro è stato intervistato dal quotidiano portoghese. Per Patrícia Pacheco, direttore del servizio di infettivologia dell'ospedale di Amadora-Sintra, per esempio, “è molto chiaro che il sistema non ha funzionato per molto tempo”, costringendo oggi il personale sanitario “a vivere e lavorare in situazioni inimmaginabili”. “Tutto questo era prevedibile, questa crisi era stata annunciata, ma i responsabili hanno preferito il magico pensiero che non sarebbe successo”.

 

La situazione è talmente critica, ha raccontato ancora Pacheco, che “le ferie sono state sospese per chiunque lavori nella sanità, tutti i medici in formazione hanno iniziato improvvisamente a lavorare senza neanche poter terminare il loro tirocinio, e anche gli psichiatri e i chirurghi maxillo-facciali sono di guardia per assistere i pazienti”.

 

Perché la prima ondata era stata gestita meglio 

Eppure la prima ondata di coronavirus era stata ben sopportata dal Portogallo, tanto che si parlava di “eccezione portoghese” grazie al tempismo con cui il governo aveva agito, mettendo subito in lockdown l’intero Paese. Prima di ottobre erano state solo due le occasioni in cui erano stati registrati più di mille contagi giornalieri, che generalmente si fermavano a poche centinaia.

 

Secondo la ministra della Salute, Marta Temido, la strategia di contenimento del virus non funziona più perché la mentalità delle persone rispetto all’emergenza è cambiata, la responsabilizzazione individuale non tiene più.

 

D’altronde, durante il periodo natalizio, le misure anti-Covid sono state alleggerite, gli spostamenti tra comuni permessi di nuovo e i ristoranti sono rimasti aperti spesso fino all’una di notte. In molti ora sostengono che proprio questo alleggerimento sia uno dei fattori più rilevanti per la diffusione del contagio nelle prime settimane del 2021.

 

- LEGGI ANCHE: Coronavirus, il punto sulla pandemia in Italia e nel mondo

 

Il nuovo lockdown fino a marzo

A fine dicembre sono cominciate anche qui le vaccinazioni come altrove in Europa, ma non basta. Dal 15 gennaio il governo è stato quindi costretto a imporre un nuovo lockdown duro, con pochissimi spostamenti consentiti, obbligo di smart working, chiusura delle attività non essenziali, ma anche limitazione degli orari di apertura dei supermercati e divieto di asporto. Solo le scuole sono aperte.

 

Una situazione, questa, che potrebbe durare fino a marzo se necessario, ha detto il presidente della Repubblica Marcelo Rebelo de Sousa.

 

- LEGGI ANCHE: L'Austria ha deciso di prolungare il lockdown fino al 7 febbraio

- E ANCHE: Germania, il nuovo lockdown "rafforzato" dal 20 gennaio

- E ANCHE: La nuova stretta anti-Covid in Francia

I più visti

Leggi tutto su News