TimGate
header.weather.state

Oggi 05 ottobre 2022 - Aggiornato alle 04:00

 /    /    /  Lo scambio di prigionieri tra Russia e Ucraina
Lo scambio di prigionieri tra Russia e Ucraina

L'oligarca Viktor Medvedchuk - Credit: TASS / Ipa / Fotogramma

GUERRA22 settembre 2022

Lo scambio di prigionieri tra Russia e Ucraina

di Silvia Marchetti

Tra loro anche i comandanti Azov, un oligarca e 10 stranieri

L'Ucraina ha annunciato che 215 cittadini ucraini e stranieri sono stati rilasciati dalla Russia in uno scambio di prigionieri avvenuto in Turchia. Tra questi figurano anche cinque comandanti della difesa dell'Azovstal (che per settimane hanno difeso l'acciaieria Azovstal di Mariupol) e dieci persone (foreign fighters) provenienti da Stati Uniti, Gran Bretagna, Marocco, Svezia e Croazia che hanno combattuto a fianco degli ucraini. Alla Russia sono stati ''restituiti'' l'oligarca ucraino filorusso Viktor Medvedchuk e altri 55 soldati.

 

Leggi anche: Speciale, la guerra di aggressione russa in Ucraina

 

''Si tratta di soldati, guardie di frontiera, poliziotti, marinai, guardie nazionali, truppe delle forze territoriali, doganieri e civili - ha fatto sapere il capo dell'ufficio del presidente ucraino, Andriy Yermak - Tra loro ci sono ufficiali, comandanti, eroi dell'Ucraina, difensori dell'Azovstal e militari in stato di gravidanza".

 

Leggi anche: Putin ha annunciato la "mobilitazione parziale"

E anche: Dalla Cina agli Usa, le reazioni al discorso di Putin

 

Lo scambio - ha aggiunto Yermak, citato da Ukrinform - è il risultato di accordi personali tra il presidente Zelensky e quello turco, Erdogan. I russi volevano ricattarci con le loro vite, ma non gli permetteremo di farlo con nessuno''. 

 

I prigionieri stranieri liberati (cinque britannici, due americani, uno svedese, un marocchino e un croato) si trovano ora a Riad. ''Le autorità saudite competenti li hanno ricevuti e trasferiti dalla Russia e stanno facilitando le procedure per il loro ritorno sicuro nei rispettivi Paesi", ha spiegato il ministero degli Esteri saudita. 

 

''Stiamo riportando a casa la nostra gente - ha commentato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky - Oggi abbiamo 215 buone notizie. 215. Questa è chiaramente una vittoria per il nostro Stato, per la nostra intera società. E, soprattutto, per 215 famiglie che potranno vedere i propri cari in sicurezza''. 

 

''Ho parlato con Erdogan: i cinque comandanti rilasciati dalla prigionia saranno portati in completa sicurezza, in condizioni confortevoli e sotto la protezione personale del presidente della Turchia, fino alla fine della guerra - ha aggiunto Zelensky - Ma daremo alle loro famiglie l'opportunità di vederli. Non è un peccato aver dato Medvedchuk in cambio di veri guerrieri". 

 

L'oligarca Medvedchuk, leader del partito filorusso, era stato arrestato lo scorso aprile con l'accusa di tradimento, dopo essere sfuggito agli arresti domiciliari pochi giorni dopo l'invasione russa.