TimGate
header.weather.state

Oggi 06 luglio 2022 - Aggiornato alle 07:18

 /    /    /  Il Senato Usa ha bloccato la misura sui diritti all'aborto
Il Senato Usa ha bloccato la misura sui diritti all'aborto

- Credit: John Rudoff / IPA / Fotogramma

STATI UNITI12 maggio 2022

Il Senato Usa ha bloccato la misura sui diritti all'aborto

di Michela Cannovale

La storica sentenza Roe vs Wade non può, per ora, essere trasformata in legge

Il Senato degli Stati Uniti ha bloccato il provvedimento, voluto dai Democratici, per trasformare in legge la Roe vs Wade, la sentenza della Corte Suprema del 1973 che consente il diritto all'aborto.

 

Se il provvedimento fosse passato, l'interruzione della gravidanza sarebbe stata libera a livello federale negli Usa. Tuttavia, sono stati solo 49 i voti a favore e i 51 quelli sfavorevoli che hanno permesso la bocciatura. Tutti i Repubblicani hanno votato contro. Decisivo il no del senatore democratico Joe Manhcin.

 

Il provvedimento per trasformare in legge la Roe vs Wade era stato introdotto dopo la fuga di notizie, da parte di Politico, secondo cui la Corte suprema degli Stati Uniti avrebbe le intenzioni di abolire il diritto all'aborto con una votazione che annulli la sentenza del 1973 (ne abbiamo parlato qui). I giornalisti della testata sono infatti venuti in possesso della bozza legislativa redatta dal giudice Samuel Alito che, dopo aver raccolto il parere della maggioranza dei saggi, conferma il ripudio "totale e fermo" per il diritto all'aborto.

 

Il commento del presidente Joe Biden

Il presidente Usa Joe Biden ha commentato così la bocciatura del provvedimento da parte dei Repubblicani: "I diritti costituzionali delle donne sono sotto attacco, l'esito della votazione va contro la volontà della maggioranza degli americani. Continueremo a valutare misure e strumenti" per difendere il diritto di scelta.

 

"Tristemente il Senato ha fallito nel difendere il diritto di scelta delle donne sul proprio corpo", ha detto invece la sua vice Kamala Harris.

 

Che cosa prevede la sentenza Row vs Wade

La sentenza Roe vs Wade, del 1973, affida alla donna il diritto di scegliere se portare a termine o meno una gravidanza.

 

Prima del 1973, la legislazione in materia di interruzione volontaria di gravidanza era materia di ciascuno Stato, che dunque si regolava autonomamente.

 

Due i principi fondanti della sentenza in questione: 

 

- l’interruzione volontaria di gravidanza è una libera scelta della donna ed è consentita fino al momento in cui il feto diventa in grado di sopravvivere al di fuori dell'utero materno, anche con l'ausilio di un supporto artificiale (24-28 settimane);

 

- in caso di pericolo per la salutedella donna, l'aborto è legale anche oltre questo limite di tempo.