Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 17 gennaio 2021 - Aggiornato alle 23:00
Live
  • 00:01 | Basket, Serie A: Treviso passa a Trento 76-82 in volata
  • 22:06 | Liam Neeson dice addio ai film d’azione
  • 21:25 | Scuola: quando si comincia, regione per regione
  • 21:07 | Chi è Yoweri Museveni, rieletto presidente dell’Uganda
  • 20:52 | Giuseppe Tornatore gira 4 spot per il vaccino anti Covid
  • 19:59 | L'Atalanta sbatte contro il Genoa: finisce 0-0
  • 17:30 | Covid, in Italia ancora 377 morti
  • 17:20 | Basket, Serie A: la Vanoli dura un tempo, Trieste espugna Cremona 80-101
  • 17:10 | Chi è Anne Givaudan: vita privata e carriera
  • 17:06 | Il Crotone batte 4-1 il Benevento, Sassuolo pari al 94'
  • 17:01 | Dal 18 gennaio riapre la Reggia di Caserta
  • 16:53 | Nimsdai Purja e la sua squadra scalano il K2 in inverno
  • 16:45 | Perché è necessario vaccinare presto anche nelle carceri
  • 16:44 | Buon compleanno Michelle Obama
  • 16:35 | Germania, chi è il nuovo leader Cdu: per continuare l’era Merkel
  • 16:15 | Liv Tyler e la forza per vincere il Covid
  • 15:56 | Perché i talebani afghani non possono più essere poligami
  • 15:45 | Crostone di polenta
  • 15:39 | Milan, tutto fatto per l’arrivo di Mario Mandzukic
  • 15:11 | Torino, Davide Nicola al posto di Giampaolo
La correlazione tra sigarette e Covid, secondo uno studio francese - Credit: Pixabay
CORONAVIRUS 24 novembre 2020

La correlazione tra sigarette e Covid, secondo uno studio francese

di Michela Cannovale

"Tra i fumatori ci sarebbe l’80% di ricoverati in meno rispetto al resto della popolazione"

Secondo molti studi condotti già durante la prima ondata di coronavirus, obesità e nicotina sarebbero fra i fattori che maggiormente aumentano il rischio di morte per i malati di Covid-19. Tuttavia, una ricerca recentemente portata a termine da un team di scienziati dell’ospedale La Pitié-Salpêtrière di Parigi, è giunta a risultati che stravolgono in parte l'ipotesi relativa al rischio provocato dal fumo di sigarette: la nicotina, cioè, potrebbe addirittura fungere da barriera contro il virus.

 

La necessità di svolgere uno studio di questo tipo, come ha spiegato il professore di medicina interna e autore della ricerca Zahir Amoura, è nata dal fatto che solo il 5% dei pazienti affetti da Covid-19 e ricoverato negli ospedali francesi durante il primo lockdown aveva una dipendenza da tabacco.

 

La sperimentazione, che ha coinvolto 500 pazienti (di cui 350 ricoverati in ospedale e altri 150 in isolamento domiciliare), è stata condotta utilizzando dei cerotti a base di nicotina. I cerotti avevano tre dosaggi diversi a seconda dell'intento dello studio (preventivo, per capire se potessero proteggere il personale medico-sanitario; terapeutico su pazienti ricoverati, per ridurre la sintomatologia; sui pazienti gravi in rianimazione).

 

Il risultato? “Tra i fumatori ci sarebbe l’80% di pazienti Covid-19 in meno rispetto al resto della popolazione generale dello stesso sesso e della stessa età”, si legge nella ricerca.

 

Jean-Pierre Changeux, membro dell’Istituto Pasteur e del Collège de France, ha spiegato che “l’ipotesi è che fissandosi sul recettore cellulare utilizzato anche dal coronavirus, la nicotina gli impedisca o lo trattenga dal fissarsi, bloccando così la penetrazione nelle cellule e il suo propagarsi in tutto l’organismo”.

 

- LEGGI ANCHE: Coronavirus, le ultime news in Italia e nel mondo

 

L’intero processo di protezione sarebbe determinato dal “recettore nicotinico dell’acetilcolina”, che ha un ruolo cruciale sia nella diffusione del virus nell’organismo, sia “nell’origine della varietà di sintomi del Covid, tra cui la perdita dell’olfatto e disturbi neurologici”.

 

I risultati dello studio hanno comunque sollevato molte polemiche visto che, secondo alcuni, rischiano di incoraggiare l’uso del tabacco.

I più visti

Leggi tutto su News