Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Per Conoscere
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 14 maggio 2021 - Aggiornato alle 05:00
Live
  • 00:02 | Basket, playoff Serie A: Brindisi annienta Trieste 85-64 in gara 1
  • 00:01 | Basket, playoff Serie A: la Virtus stende Treviso 92-71 in gara 1
  • 20:41 | Basket, Serie A: Daye regala a Venezia gara 1, Sassari ko 92-91
  • 19:56 | Basket, Serie A: l'Olimpia Milano schianta Trento 88-62 in gara 1
  • 19:37 | Palù (Aifa): "Sì al richiamo Pfizer e Moderna a 42 giorni"
  • 19:36 | Giro d’Italia, sesta tappa e nuova Maglia Rosa
  • 19:08 | Israele-Gaza, venti di guerra
  • 18:17 | Un film sui primi giorni del coronavirus (negli USA)
  • 18:09 | “Knives Out 2”, si preannuncia un cast stellare
  • 18:00 | Covid, in Italia altri 201 morti
  • 17:58 | Il museo dedicato a Bob Dylan aprirà nel 2022
  • 17:37 | Due date live per Giordana Angi a fine 2021
  • 17:00 | Buon compleanno al principe Filippo di Svezia
  • 16:24 | J-Ax racconta l'esperienza con il Covid nel brano "Voglio la mamma"
  • 15:55 | Matteo Berrettini perde e saluta gli Internazionali d’Italia
  • 15:50 | Lorella Boccia ospita Alessandra Amoroso nel suo "Venus Club"
  • 15:13 | "N O R D", il disco d'esordio di ALFA spiegato canzone per canzone
  • 15:12 | Supplì al telefono senza carne, forse anche più buoni
  • 15:05 | Uovo in camicia: ricetta e guida per cucinarlo
  • 14:47 | Eurispes 2021, Fara: ragioniamo su 'ricostituzione' post-pandemia
Europa-Turchia, cosa c’è dietro il sofagate Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea - Credit: European Union via www.imago-images.de / IPA / Fotogramma
l’unione in difficoltà 15 aprile 2021

Europa-Turchia, cosa c’è dietro il sofagate

di Luigi Gavazzi

I rifugiati siriani e l’ambiguità delle relazioni fra Commissione e Consiglio

Il cosiddetto sofagate, l’incresciosa scena a Ankara che ha visto la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, relegata su un divano, discosta da Erdogan e dal presidente del consiglio europeo Charles Michel, nasconde un paio di questioni molto importanti che non vanno sottovalutate.

Relazioni fra Commissione e Consiglio

La prima riguarda la natura ambigua delle relazioni fra i due principali organi “di governo” dell’Unione europea. 

È più importante la Commissione, una sorta di vero governo di tutta l’Unione che adombra un futuro nel quale davvero ci potrà essere una unione politica, oppure conta di più il Consiglio europeo, nel quale vengono mediate le istanze dei singoli governi?

È evidente che al di là della figuraccia di Michel che non ha certo reagito con coraggio allo sgarbo inflitto da Erdogan a von der Leyen e a tutta l’Europa, nella preparazione dell’incontro c’è stato un evidente buco di gestione del protocollo che indica però chiaramente la presenza dell’ambiguità nelle relazioni e nel ruolo dei due organi.

Ambiguità e debolezze che il presidente turco ha abilmente trasformato in un caso diplomatico, accrescendo imbarazzo e difficoltà di una visita davvero complicata. In generale, i nemici dell’Unione, come Erdogan e Putin, tendono a favorire le relazioni con il Consiglio europeo, perché in esso è più semplice creare divisioni.

La questione rifugiati siriani

E qui veniamo al secondo punto: forse ancora più importante. La visita di von der Leyen e Michel era così delicata perché, come ha scritto Anna Maria Merlo sul Manifesto, “aveva tutti i contorni di un viaggio a Canossa”. È stata infatti la visita “di un’Europa debole e impaurita di fronte all’autocrate che la fa ballare con la minaccia di non trattenere sul proprio suolo 3,5 milioni di rifugiati siriani”. Già, anche questo non va mai dimenticato nel considerare le mosse di Erdogan (per esempio in Libia e sulla violazione dei diritti umani) e le balbettanti reazioni dell’Europa. Quella minaccia, che da anni Erdogan usa, di aprire le frontiere e far affluire nell’Unione i rifugiati e che Bruxelles tiene a bada pagando: sei miliardi di euro promessi cinque anni fa, quattro dei quali già versati. 

La prossima settimana von der Leyen e Michel parleranno davanti al Parlamento europeo per spiegare l’incidente del sofà, ma anche per dire se a Erdogan sono stati promessi altri soldi e magari qualche altra concessione. Pare per esempio che la Turchia abbia chiesto una nuova revisione, più favorevole, del trattato di associazione firmato nel 1964 e una liberalizzazione dei visti.

Insomma, dietro il sofagate, c’è molto molto di più, come ci ricorda anche Vittorio Da Rold su Domani, quando spiega che “mentre l’Europa litiga sul divano, Erdogan si occupa di geopolitica: la mano turca sui dossier caldi”.

I più visti

Leggi tutto su News