Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • People
    • Tutto
    • Gossip e Celebrità
    • Social e Influencer
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Hobby
    • Come fare
  • Video
    • Tutto
    • Arredamento
    • Come fare
    • Costume e società
    • Divertenti
    • Green
    • Hobby
    • Ricette
    • Sport
    • Tecnologia
    • Top Video
    • Viaggi
    • Risorgimento Digitale
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 23 settembre 2021 - Aggiornato alle 19:00
News
  • 18:30 | Le foto di Robert Doisneau esposte a Rovigo
  • 16:38 | Rincaro bollette, le mosse del governo per ridurre l’impatto
  • 15:00 | Draghi: il governo non aumenterà le tasse, momento per dare non prendere
  • 14:30 | Vaccini, perché le prime dosi sono aumentate nell’ultima settimana
  • 14:29 | A Tokyo una libreria dedicata allo scrittore Haruki Murakami
  • 14:26 | Come sarà il clima nelle città italiane alla fine di questo secolo
  • 12:45 | Ad Art Basel 2021 artisti e opere di alto livello
  • 11:48 | Gli Usa hanno autorizzato la terza dose per gli over 65
  • 11:45 | Il Milan vince e riaggancia l’Inter
  • 11:40 | La prima vittoria in campionato per la Juventus
  • 10:12 | 7 cose da fare e da vedere a Ivrea
  • 09:40 | Nuova power unit per Leclerc, partirà ultimo in Russia
  • 06:30 | Elezioni federali in Germania: le cose da sapere
  • 06:05 | Il green pass in parlamento e le altre notizie sulle prime pagine
  • 06:01 | Basket, Scola a Varese non sarà solo il nuovo amministratore delegato
  • 03:23 | Green pass obbligatorio sul luogo di lavoro: le cose da sapere
  • 19:50 | MotoGP 2021, Zarco operato al braccio destro: ci sarà ad Austin
  • 19:25 | SBK 2021, programma e orari del GP di Spagna a Jerez
  • 19:00 | Covid, 3.970 nuovi casi con l'1,4% di positività
  • 18:25 | Assemblea generale dell’Onu, preoccupati per il futuro del mondo
Le bandiere della Catalogna in una manifestazione indipendentista Le bandiere della Catalogna in una manifestazione indipendentista - Credit: Fotogramma
CATALOGNA 21 giugno 2021

La Spagna concederà l'indulto ai leader indipendentisti catalani

di Michela Cannovale

Erano stati condannati per la dichiarazione unilaterale di indipendenza


Svolta in Spagna, dove il primo ministro e segretario del Partito Socialista Operaio Spagnolo Pedro Sanchez ha fatto sapere che nel Consiglio dei Ministri del 22 giugno verrà discussa la proposta di concedere l'indulto ai leader indipendentisti della Catalogna condannati per la dichiarazione unilaterale di indipendenza con un voto il 27 ottobre 2017.

 

L'annuncio di Sanchez

"Domani, nello spirito di concordia costituzionale, proporrò al consiglio dei ministri di concedere l'indulto ai nove condannati" ha annunciato durante una cerimonia al teatro Liceu di Barcellona. "Potremmo tornare ai rimproveri, rimanere bloccati nei problemi.

Cercare più colpevoli. Oppure dedicare il nostro tempo e le nostre energie a risolvere il problema e scommettere sulla concordia, che significa letteralmente con il cuore. Così ha deciso il governo spagnolo", ha spiegato Sanchez.

 

Accusati di sedizione e appropriazione indebita, i nove leader erano stati condannati definitivamente dalla Corte Suprema spagnola nel 2019 con pene comprese fra i 9 e i 13 anni di carcere, dopo un processo durato due anni.

 

- LEGGI ANCHE: Le proteste in Catalogna dopo la condanna degli indipendentisti 

 

Chi sono i nove leader che verranno perdonati

La grazia verrà concessa a tutti i membri del governo catalano di allora (tranne quelli che erano fuggiti all’estero, tra cui l’ex presidente Carles Puigdemont) più due attivisti e l’ex presidente del parlamento regionale: l’ex vice di Puigdemont Oriol Junqueras, condannato a 13 anni per sedizione e malversazione; l’ex europarlamentare Raul Romeva (12 anni); l’ex portavoce del governo regionale Jordi Turull (12 anni); l’ex responsabile del Lavoro Dolors Bassa (12 anni); l’ex leader del parlamento catalano Carme Forcadell (11 anni); il ministro dell’Interno Joaquim Form (10 anni); quello delle Infrastrutture Josep Rull (10 anni); gli attivisti Jordi Sanchez e Jordi Cuixart (9 anni).

 

La condanna del 2019 era stata commentata così da Puigdemont: “Cento anni di prigione in totale. Un'aberrazione. Ora più che mai, al vostro fianco e con le vostre famiglie. È tempo di reagire come mai prima d'ora. Per il futuro dei nostri figli e delle nostre figlie. Per la democrazia. Per l'Europa. Per la Catalogna”.

 

- LEGGI ANCHE: Catalogna, il presidente Torra: Sanchez fissi i negoziati

- E ANCHE: Puigdemont: voglio tornare in Catalogna e rivedere mia madre

I più visti

Leggi tutto su News