TimGate
header.weather.state

Oggi 29 settembre 2022 - Aggiornato alle 13:39

 /    /    /  La sparatoria a Gerusalemme
La sparatoria a Gerusalemme

- Credit: MATAN GOLAN / Ipa-Agency.Net / Fotogramma

ISRAELE14 agosto 2022

La sparatoria a Gerusalemme

di Gianluca Cedolin

Ferite otto persone. L'assalitore si è consegnato alla polizia
 

Otto persone sono rimaste ferite, due delle quali (una donna incinta) sono in gravi condizioni, durante una sparatoria avvenuta sabato non distante dal Muro del Pianto a Gerusalemme. Un ragazzo palestinese di cittadinanza israeliana di 26 anni ha aperto il fuoco a una fermata del bus nella città vecchia, sparando ai passeggeri che stavano salendo a bordo. 

 

La polizia di notte ha scoperto l'identità dell'aggressore e ha iniziato a circondare la sua abitazione a Gerusalemme Est. Capendo di non avere scampo il giovane Amir Sidawi è andato alla stazione di polizia e si è consegnato. Sidawi era già stato incarcerato per cinque anni per un attacco con un coltello.

 

Nonostante non risulti affiliato a nessuna organizzazione palestinese, la fazione Hamas ha definito 'eroico' il suo attentato, parlandone come 'una risposta naturale ai crimini quotidiani dell'occupazione contro la nostra gente, il nostro Paese e i grandi siti musulmani e cristiani', come riporta l'agenzia Agi. Il primo ministro israeliano Yair Lapid invece ha definito l'attentatore uno 'spregevole terrorista. Tutti coloro che vogliono il nostro male sappiano che pagheranno un prezzo per qualsiasi danno ai civili'.