Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 29 ottobre 2020 - Aggiornato alle 18:00
Live
  • 18:56 | Come attivare la Pec (Posta Elettronica Certificata) in modo facile e veloce
  • 16:14 | Juventus e Barça si "pungono" su Twitter
  • 16:00 | Nicole Kidman e il regalo per il compleanno del marito
  • 15:32 | “Moon Knight”, la nuova serie tv della Marvel
  • 15:10 | Come fare le crepes, la ricetta perfetta
  • 15:01 | Impasto Bonci: la ricetta per la pizza in teglia
  • 14:59 | “Dreamland”, il nuovo film di Margot Robbie
  • 14:34 | Zucchero e Sting insieme nel brano inedito "September"
  • 14:15 | Heidi Klum fa la turista a Berlino
  • 14:07 | L’ecatombe ecologica in Sudafrica
  • 14:01 | "Vent'anni" è il singolo che segna il ritorno dei Maneskin
  • 13:56 | Portatovaglioli fai da te: natalizi o pasquali
  • 13:44 | Ibra risponde a Ronaldo:'Tu non sei Zlatan, non sfidare il virus'
  • 13:21 | Brad Pitt è tornato single
  • 12:54 | La Roma prepara (di nuovo) l'assalto a El Shaarawy
  • 12:42 | "Ok boomer", cosa significa?
  • 12:35 | L’attentato nella cattedrale di Nizza
  • 12:33 | Covid: come tornare in Italia dall'estero
  • 12:32 | Cosa sta facendo l'Irlanda contro il coronavirus (con buoni risultati)
  • 12:32 | Cos’è la grafologia?
Barcellona, Quim Torra, presidente della Catalogna, lascia piazza Sant Jaumes dopo la condanna della Corte suprema Barcellona, Quim Torra, presidente della Catalogna, lascia piazza Sant Jaumes dopo la condanna della Corte suprema - Credit: Paco Freire / SOPA Images / IPA / Fotogramma
SPAGNA 29 settembre 2020

Perché il presidente della Catalogna è stato rimosso dal suo incarico

di Michela Cannovale

Accusato di “disobbedienza” per dei nastri gialli. La Corte suprema ha confermato l’interdizione

Il presidente della Generalitat catalana Quim Torra è accusato di “disobbedienza” dopo essersi rifiutato di rimuovere gli striscioni a sostegno degli indipendentisti in carcere durante il periodo elettorale, prima delle elezioni del 28 aprile 2019.

È questo il motivo che ha portato la Corte suprema spagnola a rimuoverlo dall’incarico di presidente condannandolo all’interdizione da qualsiasi carica pubblica per il prossimo anno e mezzo, imponendogli inoltre il pagamento di una multa di 30mila euro.

 

Reiterata e caparbia disobbedienza agli ordini ripetuti di un organo costituzionale la cui funzione è garantire la trasparenza e la legalità dei processi elettorali e che esige la neutralità dei poteri e delle amministrazioni pubbliche”: queste le motivazioni addotte dalla Corte per la condanna di Torra, il quale si è “ostinatamente” rifiutato di ritirare i nastri gialli simbolo di solidarietà nei confronti degli indipendentisti catalani e del suo predecessore, Carles Puigdemont, fuggito in Belgio per evitare l’arresto di Madrid.

 

- LEGGI ANCHE: Catalogna, la condanna al carcere dei leader indipendentisti

 

La sentenza, approvata all’unanimità, ha respinto così l’appello di Torra alla “libertà d’espressione”, e ora rischia di portare la Catalogna alla fine anticipata della legislatura, con le elezioni che potrebbero tenersi già all’inizio del 2021.

 

Fino ad allora sarà Pere Aragonés, il numero due della Generalitat, a guidare la Regione, assumendo automaticamente il ruolo di presidente a seguito della rimozione di Torra dall'incarico.

 

- LEGGI ANCHE: Catalogna, il presidente Torra dopo le proteste di ottobre 2019: Sanchez fissi i negoziati

Leggi tutto su News