Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti, per migliorare l’esperienza di navigazione e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • News
    • Tutto
    • Italia
    • Esteri
    • Gossip e Celebrità
    • Tecnologia
  • Intrattenimento
    • Tutto
    • Cinema
    • Musica
    • TV
    • Videogames
  • Donna
    • Tutto
    • Moda
    • Mamme e Bambini
    • Salute
  • Sport
    • Tutto
    • Calcio
    • Classifica Serie A TIM
    • Classifica Marcatori Serie A TIM
    • Risultati Serie A TIM
    • Altri Sport
  • Lifestyle
    • Tutto
    • Costume e Società
    • Arredamento
    • Ricette
    • Green
  • Tempo Libero
    • Tutto
    • Viaggi
    • Libri
    • Hobby
    • Come fare
    • Motori
  • Video
    • Tutto
    • Per Conoscere
    • Risorgimento Digitale
    • Divertenti
    • Sport
    • Top Video
  • Servizi
    • Tutto
    • Oroscopo
    • Meteo
    • Mobile Ticketing
  • Codici Sconto
  • Personalizza il tuo TIMgate>> Personalizza il tuo TIMgate >>
menu
Oggi 04 marzo 2021 - Aggiornato alle 13:25
Live
  • 13:15 | Le frasi più belle da dedicare alle sorelle
  • 13:05 | Tre strategie per diventare più creativi
  • 12:58 | Due film di Gipi da vedere
  • 12:42 | Le donne regine del Festival fanno impazzire la rete
  • 12:39 | I 5 momenti top delle prime due serate di Sanremo 2021
  • 12:31 | Gli "Spaces" di Twitter ora sono disponibili anche per Android
  • 12:00 | Il ricordo di Davide Astori nel terzo anniversario della morte
  • 11:55 | Salvaspazio cucina, idee fai da te
  • 11:30 | Torta yogurt e banane
  • 11:20 | L'attentato del 3 marzo in Svezia
  • 11:15 | L’Inter a Parma per allungare
  • 11:05 | Una sola dose di vaccino a chi ha avuto il Covid-19
  • 11:00 | Come partecipare al concorso TIM Unica e vincere un viaggio di 365 giorni
  • 10:55 | In Italia si produrranno dei vaccini
  • 10:35 | La larga vittoria dell’Atalanta sul Crotone (5-1)
  • 10:23 | Il pareggio del Milan contro l’Udinese (1-1)
  • 09:39 | Wrestling, Wrestlemania 37 nello stesso stadio del Super Bowl
  • 09:31 | Harakiri Napoli, ora la corsa Champions si complica
  • 09:10 | La Roma si riscatta e tiene il passo Champions
  • 08:01 | Eurolega: l’Olimpia Milano cade in casa 92-100 contro il Fenerbahçe
Donald Trump Donald Trump - Credit: Pool / ABACA / IPA / Fotogramma
POLITICA 30 maggio 2020

La guerra di Trump contro i social network

di Federico Bandirali

Con un ordine escutivo: social perseguibili penalmente per i contenuti pubblicati dagli utenti?

Il presidente statunitense Donald Trump, dopo essersi visto etichettare due suoi tweet relativi al voto per corrispondenza nelle presidenziali di novembre come “potenzialmente fuorvianti”, ha impiegato meno di 48 ore per replicare.

 

- LEGGI ANCHE - Perché Trump vuole far chiudere Twitter

 

Il Tycoon lo ha fatto firmando un ordine esecutivo (l'equivalente di un decreto legge) nella nottata italiana tra il 28 e il 29 maggio, che elimina quella sorta di immunità di cui beneficiavano i social rispetto ai contenuti pubblicati dagli utenti.

Con la nuova norma, infatti, se Twitter, YouTube, Facebook (solo per fare tre esempi) decideranno di continuare a moderare i contenuti, e di conseguenza le fake news, attraverso la rimozione di post e la chiusura di profili, saranno contestualmente responsabili rispetto a tutto ciò che viene pubblicato dagli utenti e, di conseguenza, perseguibili penalmente.

 

Il presidente satunitense, evidentemente scottato dopo quella che è stata una “prima assoluta”, nel comunicare di aver firmato il nuovo ordine esecutivo si è detto pronto a chiudere, incredibilmente, il suo account su Twitter, convinto che tutti i social siano in realtà politicizzati e progressisti, con moderatori definiti testualmente "attivisti democratici". Affermazione priva di fondamento, visti i privilegi di cui ha goduto in questi anni pubblicando impunemente bugie conclamate, pindariche teorie e, più o meno, qualsiasi cosa gli passase per la testa, sensata o meno (se non pericolosa).

 

Il decreto, come evidente allo stesso Trump, verrà bloccato da una serie di ricorsi in tribunale. Ma in questo caso non si tratta di una novità, anzi. Sin dall’inizio della sua presidenza Trump gli ordini esecutivi sono stati più volte “ribaltati” nelle aule giudiziarie come accaduto con il “Muslim Ban”,  decreto inaugurale della sua presidenza promulgato nel 2017 per impedire l’ingresso negli Usa a chi proveniva da una “black list” di stati islamici e poi rigettato dalla magistratura che si rifece, anche in quel caso, alla Costituzione e alle leggi vigenti che qualifcavano il decreto come "razzista". .

 

Questa volta, evidentemente, l'ordine esecutivo è palesemente in contaddizione con ill Primo Emendamento della Costituzione statunitense, ovvero quello relativo a libertà di espressione e stampa.

Secondo il Tycoon, paradossalmente, la nuova norma serve a difendere “la libertà di parola contro uno dei più grandi pericoli” (la censura, ndr), ma il tutto assume contorni sempre più surreali.

 

Nemmeno troppo sfumati, visto che non è nemmeno sicuro che un decreto presidenziale possa effettivamente andare contro al quadro legislativo vigente, che invece tutela i social da possibili responsabilità penali relativamente ai contenuti pubblicati dagli utenti.

 

Trump, inoltre, ha minacciato di chiudere il suo profilo Twitter, e nel caso per il social di Jack Dorsey il colpo non sarebbe indifferente, proprio perché il “cinguettatore seriale” ha contribuito, e non poco, a rilanciare la piattaforma di microblogging aumentandone la popolarità e, di conseguenza, i ricavi.

 

Pericolo ancora più concreto dopo che la piattaforma, evidentemente decisa a non mostrarsi ricattabile, successivamente all’annuncio del presidente ha etichettato un altro suo tweet limitandone la visibilità perché “glorificava la violenza”.

 

Alimentando uno scontro frontale che non sembra destinato ad esaurirsi a breve, anche in ragione del quadro normativo vigente che cozza e non poco con il decreto presidenziale.

 

Il dubbio, infatti, è che lo “scudo” che attualmente protegge i social da possibili azioni legali non possa essere eliminato con un ordine esecutivo presidenziale, e probabilmente Trump stesso ne è a conoscenza. Ma, con l’avvicinarsi delle presidenziali, la nuova norma entra di diritto nel complesso della campagna elettorale, con il Tycoon che, da sempre, a bollato stampa e TV come “nemici” politici di sinistra.

 

Nemici che aumentano di numero e, a suo dire, arrivano a sabotarlo e perseguitarlo per fargli perdere consensi. Un gioco delle parti andato avanti per anni, con i social che entrano dunque nel novero dei rivali del Tycoon. Vero o falso che sia, a prescindere dal nuovo decreto.

I più visti

Leggi tutto su News