TimGate
header.weather.state

Oggi 02 luglio 2022 - Aggiornato alle 13:29

 /    /    /  Ucraina, in arrivo altre armi e aiuti dagli Usa
Ucraina, in arrivo altre armi e aiuti dagli Usa

- Credit: Yuliia Ovsiannikova Ukrinform / Ipa-Agency.net / Fotogramma

LA GUERRA15 maggio 2022

Ucraina, in arrivo altre armi e aiuti dagli Usa

di Michela Cannovale

Lo ha fatto sapere il ministro degli esteri ucraino Kuleba

Il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba, ha annunciato con un messaggio su Twitter di aver incontrato il segretario di Stato Usa Antony Blinken a Berlino in occasione del vertice Nato dei ministri degli Esteri. Durante il loro colloquio, ha fatto sapere, è stato deciso che altre armi e aiuti verranno spediti all'Ucraina per aiutarla a vincere la guerra contro la Russia.

"Incontrato il segretario Antony Blinken a Berlino. Più armi e altri aiuti sono in arrivo in Ucraina. Abbiamo concordato di lavorare insieme per garantire che le esportazioni ucraine di cibo raggiungano i consumatori in Africa e Asia. Grato al segretario Blinken e agli Usa per la loro leadership e il loro incrollabile sostegno", si legge nel post di Kuleba.

Tra le nuove armi inviate all'Ucraina ci sono altri sistemi di difesa antiaerea S-300. Come spiegato dal segretario della Difesa americana Lloyd Austin, con questi strumenti "gli ucraini sono riusciti ad evitare che la Russia dominasse i cieli. Noi dobbiamo fare in modo di rifornirli e far avere loro sistemi a corto ma soprattutto a lungo raggio".

>> SPECIALE GUERRA IN UCRAINA

 

La legge che consente a Biden di inviare più armi più velocemente

A fine aprile negli Stati Uniti è stata approvata una misura che permette al presidente Joe Biden di usufruire di una legge risalente alla Seconda Guerra Mondiale per fornire più velocemente armi all'Ucraina: si tratta del "Lend-Lease Act" del 1941, che ai tempi consentì agli americani di armare l'esercito britannico contro Hitler e che in generale fa in modo che si possa prestare equipaggiamento militare ai governi stranieri la cui difesa "sia valutata dal presidente come vitale per gli Stati Uniti".