TimGate
header.weather.state

Oggi 04 luglio 2022 - Aggiornato alle 14:44

 /    /    /  I bambini ucraini deportati in Russia
I bambini ucraini deportati in Russia

- Credit: Justin Picaud, Ipa/Fotogramma

guerra22 giugno 2022

I bambini ucraini deportati in Russia

di Carlo Savelli

I propagandisti di Putin si vantano dei terribili numeri di quelli che chiamano “ricollocamenti”, di piccoli e adulti

Una sera di questa terza settimana di giugno Vladimir Solovyov, anchorman della tv russa, fedelissimo di Putin, ha riportato i numeri sui “ricollocamenti” di cittadini ucraini in Russia: 1,9 milioni di cui 307 mila bambini. I numeri forniti dall’Onu sono addirittura inferiori a quelli ammessi dalla propaganda di Mosca.

Come scrive Jacopo Iacoboni sulla Stampa del 22 giugno, i russi esibiscono dunque con fierezza quelle che sono a tutti gli effetti delle deportazioni, persino di bambini.
Queste ammissioni, che evidentemente solleticano il loro ego patriottico, rischiano però di metterli nei guai. Quello che i russi spacciano per un’impresa umanitaria, ha spiegato Kevin Rothrock di Meduza (sito di informazione russo con sede in Lettonia), un giorno potrebbe portarli davanti al tribunale dell’Aja per un processo per genocidio. Secondo la convenzione del 1948, infatti, separare i bambini dai genitori si configura proprio come un atto di “genocidio”.

Leggi anche:
>Ucraina, perché Kiev punta sulla riconquista di Kherson
>La scelta difficile degli ucraini a Severodonetsk
>Ucraina, la guerra elettronica ora può diventare decisiva
>Ucraina, la guerra nel Donbass decisa dall'artiglieria
>Speciale, la guerra di aggressione russa in Ucraina

Bisogna però dimostrare che oltre al fatto esista anche l’intenzione.  Su questo punto stanno dando una mano proprio i propagandisti russi; una di queste è la senatrice Lilia Gumerova, spiega Iacoboni, che per giustificare le deportazioni si è dichiarata inorridita quando ha scoperto che i bambini ucraini dei territori occupati non parlano perfettamente il russo.

O ancora, come riporta Anastasjia Lapatina del Kyiv Independent, gli occupanti di Kherson hanno annunciato che tutti i bambini nati dopo il 24 febbraio, otterranno automaticamente la cittadinanza russa.

Secondo i dati del Kyiv Independent, deportazioni, fughe all’estero e sfollamenti interni riguardano ormai quasi due terzi dei bambini ucraini.